Pesche e nettarine: crollano i prezzi del 40%


“Dopo un avvio di campagna caratterizzato da prezzi medio-bassi, in questo ultimo periodo stiamo assistendo ad un vero e proprio crollo delle quotazioni che sono ormai almeno del 40% al disotto dei costi di produzione”. Lo denuncia Antonio Dosi, presidente della Cia Emilia Romagna, indicando che le cause sono molteplici, molte congiunturali (la sovrapposizione delle raccolte nei diversi areali produttivi, la situazione meteo che non stimola il consumo di un frutto tipicamente estivo come le pesche e le nettarine. “Altre cause sono, purtroppo, oramai strutturali – spiega Dosi – vista la sequenza di più anni in cui si registra un importante di calo dei consumi. Riteniamo sia necessario ed urgente attivare alcune misure nel tentativo di mitigare gli effetti della crisi e tentare di attivare un ‘rimbalzo’ delle quotazioni per il resto della campagna – prosegue Dosi – nello specifico, ottenere dall’Unione Europea il riconoscimento di ‘grave crisi di mercato’ con i provvedimenti conseguenti previsti dalla Ocm unica (Organizzazione comune di mercato) . Serve inoltre attivare, in sinergia fra loro, tavoli di confronto nelle Regioni produttrici e presso il Dicastero agricolo ( con Istituzioni, rappresentanze Organizzazioni agricole, delle Organizzazioni dei produttori e della Distribuzione organizzata) per concordare misure di promozione, governo dell’offerta (quantità e qualità), controllo della dinamica dei prezzi nei vari passaggi della filiera, oltre alle misure di sostegno previsto per i settori in crisi”. In prospettiva futura l’associazione agricola ritiene infine necessaria ed ineludibile una riforma radicale della legge che regola l’attività degli Organismi interprofessionali (OI), sia come quadro regolamentare comunitario, sia come norma nazionale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet