Perquisizioni a UnipolSai


Perquisizioni sono state eseguite dalla Guardia di Finanza questa mattina a Bologna nella sede di UnipolSai. Disposte dalla magistratura, sono relative a presunti illeciti nell’operazione di fusione avvenuta tra Unipol Assicurazioni, Premafin Finanziaria, Milano Assicurazioni e Fondiaria Spa che ha dato vita a UnipolSai. Sulla vicenda indaga il pm di Milano Luigi Orsi. L’atto di fusione per incorporazione è stato stipulato sul finire del 2013 ed ha acquistato efficacia a partire dal 6 gennaio 2014 a seguito dell’iscrizione dell’atto stesso nel registro delle imprese. Fonsai ha cambiato la sua denominazione in UnipolSai. L’amministratore delegato di UnipolSai, Carlo Cimbri, è indagato per aggiotaggio assieme ad altri tre manager: Roberto Giay, già amministratore delegato di Premafin Finanziaria, Fabio Cerchiai, ex presidente del consiglio di amministrazione di Milano Assicurazioni, e Vanes Galanti, in passato presidente del consiglio di amministrazione di Unipol Assicurazioni.

Le perquisizioni stanno pesando su UnipolSai in Borsa: il titolo cede il 2,2% a 2,3 euro. Pesante calo anche Unipol, ancora quotata in Piazza Affari: -3% a 4,3 euro. UnipolSai è stato posto in asta di liquidità con un calo teorico del 4,4%. Il titolo Unipol, ancora quotato in Piazza Affari, cede il 5% a 4,2 euro. Dopo il passaggio in asta di volatilità UnipolSai è rientrata alle normali contrattazioni di Borsa in calo del 5,6% a 2,23 euro.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet