Pere, situazione difficile a causa della cimice cinese


Fino a 10 mila euro di danni arrecati ad un agricoltore modenese: la cimice cinese, presente in Regione dal 2012, non ha allentato la sua forza distruttrice anzi dall’Emilia ora si sta spostando in Romagna. Ad essere prese di mira, in particolare, sono le coltivazioni di pere delle province di Modena, Bologna e Ferrara. Il contagio con altri frutti è stato, praticamente immediato, ra ci sono i pescheti a soffrirne, ma anche le produzioni di kiwi sono minacciate dall’insetto di difficile debellazione. Tante le azioni che la Regione ha messo in campo a favore degli agricoltori, ma molte sono risultate inefficaci. Se ne è parlato nel corso di un convegno promosso dall’associazione italiana per la protezione delle piante durante il quale è stato fatto un bilancio fitosanitario 2016-2017. L’agricoltura emiliano romagnola non ha lottato solo con le cimici cinesi, ma anche con altre forme battereologiche

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet