Per il pane McDonald’s grano modenese


Vengono dalla provincia di Modena i tre giovani agricoltori selezionati da McDonald’s nell’ambito del progetto ‘Fattore Futuro’, con riferimento alla filiera del pane. Grazie a questo risultato, per il prossimo triennio i tre imprenditori emiliani forniranno a McDonald’s il grano che viene utilizzato per la produzione tutta italiana – grazie a un accordo con l’azienda East Balt di Bomporto (Modena) – dei panini serviti da McDonald’s nei suoi quasi 520 ristoranti nel nostro Paese. Il progetto, nato con l’obiettivo di accompagnare e aiutare i giovani agricoltori nello sviluppo delle proprie aziende, ha ricevuto il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole. I 20 imprenditori selezionati per entrare a far parte dei fornitori italiani di McDonald’s sono stati scelti tra oltre 130 candidati con meno di 40 anni e con un progetto di innovazione e sostenibilità per la propria azienda. Sette le filiere coinvolte: carne bovina, carne avicola, pane, insalata, patata, frutta, latte.

 

Vengono da Modena e dalla provincia tre giovani agricoltori selezionati da McDonald’s nell’ambito del progetto Fattore Futuro, con riferimento alla filiera del pane. Per i prossimi tre anni, i tre imprenditori modenesi, tutti under 30, forniranno al colosso dei fast food il grano che viene utilizzato per la produzione dei panini serviti nei suoi 520 ristoranti presenti nel nostro Paese. Produzione tutta italiana grazie all’accordo con un’altra azienda modenese, la East Balt di Bomporto. Sul podio del pane sono così finiti Francesco Belluti, 27 anni di Finale Emilia, omonima azienda, così come Sergio Campana, 29 anni, di Campogalliano. Ha 27 anni Carlo Filippo Luppi che rappresenta l’azienda San Silvestro di Modena. Il progetto McDonald’s, che ricevuto il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, è nato con l’obiettivo di accompagnare e aiutare i giovani agricoltori nello sviluppo delle proprie aziende. I tre modenesi fanno parte di una squadra di 20, scelti tra più di 130 candidati con meno di 40 anni e con un progetto di innovazione e sostenibilità per la propria azienda. Sette le filiere coinvolte. Oltre al pane: carne bovina, pollo, insalata, patata, frutta, latte.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet