pc27/5/2011 Nordmeccanica e Coveme lanciano nuova tecnologia per il fotovolotaico


piacenza 27 maggio I comparti industriali di ricerca e produzione legati alle "Energie Rinnovabili" stanno vivendo una stagione di straordinaria vitalità. In particolare nel settore fotovoltaico, la ricerca di efficienze energetiche sempre maggiori e, altresì, ilbisogno di ottimizzare al meglio la produzione dei pannelli, porta ad una fortecompetizione fra i soggetti protagonisti su scala globale.In questo vivace quadro complessivo Nordmeccanica SpA di Piacenza si conferma realtà industriale innovativa ed eclettica in grado di rimodulare – con pregevole tempismo – i propri saperi in base agli stimoli ricevuti dal mercato.In questa sfida industriale ha avuto particolare importanza il rapporto privilegiatocon Coveme SpA di Bologna , azienda italiana di valore indiscusso nellatrasformazione di film.Leader nella produzione di accoppiati specifici per il fotovoltaico, si classifica aiprimi 3 posti del mercato mondiale di produzione di backsheets; è infatti tra i primiproduttori europei di backsheets e diventerà il secondo produttore cinese entrol’autunno 2011.L’intensa collaborazione tra Coveme e Nordmeccanica costruita su scelte e feedbackquotidiani ha generato risultati crescenti in qualità e performance consoddisfazione di entrambe le aziende e dei clienti.Oggi Nordmeccanica, dopo aver fornito a Coveme tre linee di produzione "sumisura", si accinge, entro il prossimo giugno, a spedire il quarto impiantodestinato allo stabilimento cinese di prossima apertura.Antonio Cerciello e Pier Luigi Miciano, rispettivamente Presidente diNordmeccanica SpA e Presidente di Coveme SpA, hanno presentato questanuova realizzazione lunedì nella sede della società piacentinae, nell’occasione, le autorità e gli invitati hanno visto la macchina infunzione.Triplex Combi Horizontal Impianto ad alto contenuto tecnologico per l’accoppiamento di materiali specifici per il settore fotovoltaico. La macchina è dotata di sistemi di svolgimento e di avvolgimento materialecompletamente automatici in grado di tagliare i materiali più spessi, assicurandocontinuità di processo e riduzione degli scarti. L’unità di spalmatura è stata appositamente progettata per incrementare le qualità ottiche degli accoppiati e per ottimizzare il consumo dell’adesivo necessario all’accoppiamento. Forni di essiccazione ad alte prestazioni, dotati di sistemi di controllo solvente, per la gestione in completa sicurezza dei ricircoli di aria e l’ottimizzazione dei consumienergetici. Elettronica e gestione con PC industriale per il completo controllo del processoproduttivo e conseguente tracciabilità della produzione. Rispetto dei più alti standard qualitativi di sicurezza in modo che gli operatori possano produrre in maniera affidabile e sicura.Il prossimo appuntamento sarà a Zhangjiagan in Cina in occasione dell’aperturadel nuovo stabilimento di Coveme

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet