pc 124/2013 CARIPARMA APRE FILIALI INNOVATIVE A PIACENZA


PIACENZA 12 APRILE Cariparma Crédit Agricole ha inaugurato il nuovo modello di agenzia che trasforma la filiale in una piazza: le chiamano AgenziaPerTe, per ora ce ne sono tre a Piacenza (due in città e una a Ponte dell’Olio) e una nel Pavese, ma l’obiettivo dopo una fase di sperimentazione è quello di estendere il nuovo modello a tutta la rete nazionale, ovvero oltre 900 sportelli.In quattro anni, dal 2008 al 2012, il numero di filiali sul territorio italiano è calato da 34.139 a 32.581 unità, per diversi fattori, come l’avvento dell’internet banking e le fusioni nel mondo bancario. Ma Cariparma, forte dell’esperienza fatta in Francia dal Crédit Agricole, ha invece accresciuto il proprio numero di sportelli e ora si appresta a uno step succesivo, la filiale 2.0.Ma come funziona AgenziaPerTe? Nella hall di ingresso, una sorta di piazza tecnologica, si viene accolti dal personale che guida i clienti alle operazioni attraverso un’ampia dotazione di Atm evoluti, in grado di fare praticamente ogni operazione, da un prelievo a un F24. Se questo è il versante tecnologico, c’è però anche una focalizzazione esclusiva sulla consulenza, con l’obiettivo di riportare al centro del rapporto banca-cliente la relazione umana, complementare alle operazioni sull’online e sui canali diretti. «E’ un nuovo concetto di accoglienza – spiega Cariparma – al quale sarà dedicata una specifica figura professionale che accompagnerà il cliente nello svolgimento delle operazioni sulle nuove dotazioni tecnologiche e lo indirizzerà al consulente più adatto alle sue esigenze».Dunque, addio back office e sportelli tradizionali, in cambio di maggior personale a disposizione dei clienti. E, particolare non secondario, drastica riduzione del contante in circolazione nei locali interni che tra l’altro incide positivamente sui costi di gestione. Anche perché l’investimento di Cariparma nel progetto – tra layout e formazione – non è piccolo. «Ora – chiosa il vicedirettore generale Massimo Basso Ricci – la sfida decisiva è quella di riuscire ad accompagnare la clientela in un percorso inedito».

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet