Passera come Monti:”Vedo l’uscita dalla crisi”


RIMINI, 20 AGO. 2012 – "Sì, la vedo l’uscita dalla crisi". Lo ha detto il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera a margine del Meeting di Comunione e Liberazione. Ai giornalisti che gli chiedevano un commento sulle parole del premier Mario Monti pronunciate ieri proprio a Rimini, ha però aggiunto che "dipenderà molto da quello che riusciremo a fare". "Il nostro problema principale si chiama produttività: il ritardo accumulato può essere molto più grave dello spread", ha detto il ministro. Toccando questo tema, Passera ha spiegato che "eravamo in vantaggio, venti anni fa, rispetto all’Europa e ora siamo sotto di otto punti". A giudizio del responsabile dello Sviluppo economico, pertanto, "se non recuperiamo" su questo terreno "non basta andare a recuperare quello che dobbiamo recuperare a livello finanziario"."La produttività del lavoro è nelle mani delle parti sociali". Al riguardo, ha osservato Passera, "abbiamo mille piccole leve che se le parti sociali avranno il coraggio di affrontare, e sono sicuro che lo faranno – ha aggiunto – ci permetteranno di recuperare" sul terreno di questo "spread". A giudizio di Passera, di fronte all’attuale situazione della produttività c’é l’urgenza "di fare oggi" quei passaggi nel rapporto tra imprese e parti sociali "che in Germania hanno fatto vent’anni fa quando ad essere in difficoltà erano loro".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet