Passante, Regione presenta ricorso


La Regione Emilia-Romagna ha presentato ricorso alla Corte Costituzionale, contro il Governo, per il Passante di Bologna, il progetto di allargamento di tangenziale e autostrada nel tratto cittadino. Lo annuncia l’assessore regionale ai Trasporti Raffaele Donini. “Ci attiveremo contro il Governo anche per la bretella autostradale Campogalliano-Sassuolo – aggiunge – bloccata proprio in queste ore – ieri, ai microfoni di Trc Modena aveva assicurato che era un “dossier che ci interessa” – in modo illegittimo dal Ministro Toninelli a pochi mesi dal cantiere (a rischio ora anche la tangenziale di Rubbiera, Reggio Emilia, progetto collegato alla bretella, ndr). Sono quasi un miliardo e mezzo le risorse bloccate da questo Governo, che vuole condannare il Paese alla crisi economica e alla decrescita. Ci mobiliteremo democraticamente per vedere garantiti i nostri diritti, anche appellandoci ai supremi Organismi di Garanzia Costituzionale perché pensiamo sia stato leso il principio fondamentale della collaborazione fra Istituzioni dello Stato”. Il ricorso alla Consulta solleva un conflitto di attribuzione sul Passante di Bologna e fa seguito, spiega la Regione in una nota, “al totale silenzio dell’esecutivo dopo che il 28 gennaio scorso Regione, Comune e Città metropolitana di Bologna avevano inviato una formale diffida a Palazzo Chigi, nella quale si chiedeva di revocare la sospensione della Conferenza dei servizi e di trasmettere il nuovo progetto sull’infrastruttura agli enti locali, tenuto conto del ruolo di valutazione e di decisione che spetta alla Regione sulle opere pubbliche rilevanti sotto i profili urbanistico, edilizio, ambientale sociale ed economico”. Trascorsi i dieci giorni di tempo possibili senza alcuna risposta dal Governo, è dunque scattato il procedimento legale.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet