Pasqua: uova e colombe più piccole, ma di qualità


Sulla tavola pasquale degli italiani non mancheranno i dolci tradizionali ma saranno più “leggeri”. Colombe al massimo da 750 grammi, uova tra i 300 e i 600 grammi. È quanto emerge dall’Osservatorio Sigep (Salone Internazionale Gelateria, Pasticceria, Panificazione artigianali) che da oltre dieci anni fotografa le dolci ricorrenze consultando i maestri del dolciario artigianale. Per la Pasqua 2014 tutti gli intervistati confermano la tendenza “al risparmio” del consumatore, complice la crisi e anche la riduzione dei nuclei famigliari. Ma se peso (e costo) si riducono, non si riducono la qualità e fantasia dei maestri artigiani e la propensione all’acquisto (seppure con minore spesa) del consumatore.

 
Roberto Rinaldini, riminese, pastry star e maestro dell’Accademia Maestri Pasticceri italiani, ha ideato la collezione di uova “DchoccoJay”: con cuffie e grandi sorrisi si rifanno alla sua passione per la musica. Mentre tra le sue colombe spicca quella al cioccolato dei Caraibi. La campionessa mondiale di pasticceria Sonia Balacchi, anche lei riminese, per Pasqua “gioca” con le sue creazioni: il classico uovo diventa un bocciuolo con tanto di sorprese all’interno. Per il maestro Iginio Massari (Brescia) i dolci pasquali assumono la forma della colomba, simbolo di pace. Davide Malizia, romano, fuoriclasse della pasticceria italiana, punta sulle uova pasquali espressive, raffiguranti personaggi televisivi. Sotto le due Torri, il maestro Gino Fabbri indica nel tortora il colore di tendenza per la uova e assicura: “sarà una Pasqua romantica, con scenografie di rami di pesco e uccellini”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet