Partito il cantiere per Officine San Lab


Sono iniziati i lavori per la costruzione di Officine San Lab, il ‘vivaio’ sanlazzarese dove imprese del territorio e ragazzi delle scuole superiori potranno incontrarsi e creare insieme innovazione, conoscenza e aggregazione. Il nuovo centro di formazione e aggregazione per i giovani del territorio sarà realizzato sulla via Emilia, grazie a un finanziamento ministeriale e agli oneri di urbanizzazione di una azienda del territorio, in tempo per l’anno scolastico 2018-2019.

Officine San Lab ospiterà uno spazio dedicato all’incontro tra scuola e impresa, dotato di strumenti e macchinari d’avanguardia (come le stampanti 3D) che daranno la possibilità ai ragazzi delle scuole superiori di mettersi alla prova, rispondendo alle esigenze delle aziende del territorio. Nella struttura, che ricopre un’area di circa 350 metri quadrati, sorgeranno anche un bar, una sala per il co-working, un auditorium-sala polivalente e la sede dello Spazio Giovani, che renderà questo luogo un punto di riferimento per i giovani sul territorio.

Officine San Lab fa parte di un progetto dal grande valore formativo, imprenditoriale e sociale, che si è aggiudicato un bando del Miur da 750mila euro. In squadra, oltre al Comune di San Lazzaro, anche la Città Metropolitana, la Regione Emilia-Romagna, una rete di 9 scuole superiori e 35 tra realtà pubbliche e private nonché istituti di ricerca e di cultura tecnica. Dalla Fondazione Golinelli al Cnr, dall’Alma Mater al Cineca, dall’Osservatorio astronomico di Bologna al Mast, ma anche imprese come Poggipollini, Ducati e Lamborghini: un impegno trasversale volto a coltivare le capacità e i talenti degli studenti delle superiori, avvicinandoli allo stesso tempo al mondo del lavoro.

“Officine San Lab rappresenta una rivoluzione per San Lazzaro. Stiamo creando un nuovo polo dedicato ai giovani, dove avranno gli strumenti per lavorare in squadra e dare vita a idee innovative – spiega il sindaco Isabella Conti -. Un luogo sano, di crescita e formazione per sviluppare competenze a farsi conoscere dalle imprese, ma anche un polo di aggregazione e condivisione, Qui tanti ragazzi e ragazze troveranno spazi per coltivare nuove idee e costruire il proprio futuro. Il finanziamento ministeriale è un importante riconoscimento di cui sono orgogliosa e che investe sulle eccellenze del territorio e sul nostro futuro: i giovani”.

Attorno alle Officine San Lab graviteranno soprattutto realtà locali, prima tra tutte la Poggipollini Srl, azienda leader nella meccanica di precisione, assieme all’Istituto Mattei di San Lazzaro, il Liceo Fermi e l’Istituto Comprensivo 12, per creare una vera e propria ‘palestra’ d’eccellenza per la formazione dei giovani su tecnologia, ricerca e innovazione. Le Officine SanLab faranno riferimento al Laboratorio Opus Facere – Fare per capire, rete territoriale rivolta a studenti e docenti delle scuole primarie e secondarie dell’area metropolitana di Bologna, con hub di riferimento all’Opificio Golinelli. Proprio all’Opificio, il 16 settembre sarà presentato ufficialmente il progetto di realizzazione di Officine SanLab, in occasione dell’inaugurazione del Laboratorio Territoriale per l’occupabilità.

L’iniziativa ha una durata decennale e si rivolgerà a 10mila studenti, mille insegnanti (di cui curerà la formazione e la ricerca anche nel campo della didattica) e 10mila cittadini, ogni anno.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet