Parmigiano, Coldiretti plaude all’esposto del Codacons


Coldiretti Emilia-Romagna plaude all’esposto presentato dal Codacons alle Procure di Parma, Reggio Emilia, Bologna e Modena e alla Corte dei Conti, per fare chiarezza sulle vicende dei vertici del Consorzio del Parmigiano Reggiano, prima tra tutte la passata contiguità del presidente Giuseppe Alai con aziende che producono formaggio concorrente. “La discesa in campo di Codacons – commenta Coldiretti – amplia il coro quanti hanno a cuore le sorti del Parmigiano Reggiano e invocano a gran voce trasparenza e pulizia in una vicenda che rischia di ledere pesantemente l’immagine del made in Italy”.

La nostra battaglia, aggiunge l’associazione degli agricoltori, “fin dall’inizio è stata improntata alla volontà di salvaguardare l’immagine del Parmigiano Reggiano e tutelare allevatori e consumatori”. Ciò è stato ben compreso dal Codacons “che con il suo esposto contribuisce a rafforzare una sana alleanza tra produttori e consumatori e rispedire al mittente l’accusa di faziosità che un certo mondo associativo e cooperativo ha rivolto a Coldiretti per aver semplicemente chiesto di portare in trasparenza quanto c”era di opaco nella posizione del presidente del Consorzio del Parmigiano”. Alai infatti è stato a capo della cooperativa Itaca che, tramite varie scatole, è azionista della società ungherese Magyar, produttrice di similgrana.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet