Parmalat fa shopping “infragruppo” e azzerala cassa


23 MAG. 2012 – Grossa operazione tutta giocata in casa per la Parmalat. Non in casa italiana, ma francese. Lactalis, padrone d’oltralpe del gruppo di Collecchio, ha deciso di passare ai parmensi la propria divisione americana. Si tratta di Lactalis American Group, società, operante principalmente negli Usa, che produce e distribuisce formaggi e derivati dal latte. L’operazione, ha fatto sapere Parmalat in una nota, sarà interamente finanziata con mezzi propri e completata entro il luglio prossimo. Il valore della partita è di 904 milioni di dollari, a tanto ammonta, sempre secondo il comunicato, l"enterprise value" (valore complessivo) del gruppo Usa in fase di acquisizione (9,5 volte il suo mol, margine operativo lordo).Dell’acquisizione ha chiesto chiarimenti la Consob, che ha invitato Parmalat alla massima trasparenza. Visti gli alti livelli di liquidità in quel di Collecchio, è normale pensare che dietro all’operazione ci sia la volontà dei francesi di appropriarsi del cosiddetto "tesoretto" accumulatosi durante la gestione del dopo crack, quella firmata Enrico Bondi. Parmalat motiva il tutto con le "elevate potenzialità di sviluppo offerte dal mercato lattiero-caseario nel continente americano". Un orientamento non condiviso dalla Cgil convinta che i soldi in cassa non stavano lì per l’acquisto della divisione americana di Lactalis."Doveva servire – spiegano dal sindacato – ad acquisizioni strategiche per Parmalat, a investimenti industriali e in innovazioni di prodotto, assenti da anni dal gruppo di Collecchio e non per ridurre l’indebitamento della società controllante". Di fatto, viene osservato, mentre Lactalis "investe in Francia, percependo anche 99 milioni di euro di aiuti di Stato, sottrae risorse alla controllata italiana e prepara un piano industriale che temiamo contenga soprattutto tagli di volumi e di personale".Negativo è anche il giudizio della Borsa. Il titolo Parmalat a un’ora dalla chiusura segna meno 4 punti percentuali.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet