Parma, rinasce il Consorzio agrario


Trasparenza, competenza e affidabilità: sono queste le parole d’ordine per il 2014 del Consorzio Agrario di Parma che dopo aver rinnovato in dicembre gli organi sociali e aver nominato presidente a gennaio Marco Bellora – già alla guida del Cap durante la delicata e difficile transizione del commissariamento – è pronto a ripartire. Un Consorzio che, oltre ai numerosi servizi rinnovati e arricchiti, offrirà certezze ai suoi associati anche per quanto concerne il management laddove Ivan Cremonini – confermato alla guida operativa nel ruolo di direttore – garantisce una continuità ultracentenaria: sostenere ed affiancare l’agricoltura di Parma e del suo territorio. “Durante i mesi del commissariamento il Consorzio Agrario di Parma ha saputo riorganizzarsi sia sotto il profilo industriale che commerciale e oggi si presenta sul mercato con ambizione ed interessanti novità sempre nel segno della continuità di un servizio che dura dal 1893”, si legge in una nota. Sono stati, poi, riaperti tutti i canali di approvvigionamento e di fornitura ai clienti tradizionale del Cap – la rete delle agenzie che è stata razionalizzata ha comunque mantenuto alcuni importanti presidi in “montagna” a sostegno di un’agricoltura “più difficile” – dei prodotti maggiormente utilizzati in agricoltura; mentre nel settore della meccanizzazione agricola si è provveduto a consolidare i rapporti di collaborazione con partners strategici. È inoltre continuato senza interruzione il “ritiro” dei cereali prodotti in provincia nei centri di stoccaggio del Consorzio Agrario di Parma. Per quanto riguarda, infine, il settore stagionatura del formaggio – che oggi, con l’attivazione del reparto biologico, immagazzina ben 120.000 forme – sono stati fatti investimenti, sia tecnici sia nelle risorse umane. Sotto il profilo patrimoniale e finanziario, fin dall’avvio della fase di concordato, i vertici del Consorzio Agrario hanno sottoscritto accordi di rimodulazione dei debiti pregressi. Nel contempo sono state coordinate le attività di liquidazione degli attivi concorsuali grazie al mantenimento della continuità nell’attività aziendale che sta portando al soddisfacimento dei creditori pregressi. «Il Consorzio Agrario di Parma – spiega il presidente Marco Bellora – si sta riorganizzando per ritornare ad essere l’attore principale del miglioramento e il perno fondamentale di una filiera agricola che, focalizzata tra l’altro su pomodoro e Parmigiano Reggiano, è fra le più importanti del comparto nazionale».

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet