Parchi della Riviera, unico marchio


Oltre 4 milioni di visitatori, con un giro d’affari di oltre 100 milioni che, a regime, danno lavoro a circa 2.880 addetti. Sono i numeri dei 15 parchi della Riviera dell’Emilia-Romagna. E nonostante questo si possono aggredire meglio i mercati internazionali. E’ nato per questo ‘Riviera dei parchi’, il marchio con cui Apt Servizi Emilia-Romagna e Unione di Prodotto Costa promuoveranno in Italia e all’estero l’offerta dei principali parchi di divertimento romagnoli. iQuesto distretto del divertimento gioca un ruolo essenziale per il sistema balneare regionale, rappresentando un punto di animazione e un polo di aggregazione che attira grandi fasce di clientela, anche internazionale. Il Parco più visitato, con 1,7 milioni di persone è Mirabilandia, seguita dall’Aquafan di Riccione (450mila) e Italia in Miniatura (280mila). Sopra i 200mila visitatori, anche l’Acquario Le Navi di Cattolica (230mila) e Oltremare (220mila); appena sotto, Fiabilandia (170mila).  La ‘Riviera dei parchi’ sarà un’unica cornice con dentro undici parchi che fanno di quello romagnolo il più grande distretto d’Europa: Safari Park Ravenna, Mirabilandia, Casa delle Farfalle di Milano Marittima, Parco delle Saline di Cervia, Atlantica Park di Cesenatico, Ruota Panoramica di Rimini, Italia in Miniatura, Fiabilandia, Oltremare, Aquafan e Acquario di Cattolica. “I parchi divertimento costituiscono da tempo uno dei fiori all’occhiello della Riviera – ha sottolineato l’assessore regionale al turismo, Maurizio Melucci – e ‘fanno’ destinazione a sé. Al fine di una promocommercializzazione più mirata ed efficace, soprattutto sui mercati esteri, era però necessario fare un passo in avanti, creando un distretto unico, dalla forte identità, frutto della sinergia tra pubblico e privato. Da qui è nata Riviera dei Parchi».

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet