Pakistan, aiuti umanitari che creano disuguaglianze


Un’iniziativa nata per ragioni umanitarie offre lo spunto per una riflessione economica più vasta su certe iniquità dell’economia globale. E’ Cna ad invitare il mondo economico e politica ad approfondire la questione. In particolare si riferisce ai rapporti commerciali tra il Pakistan e l’Unione Europea, riferiti a un settore strategico soprattutto per l’Italia, l’Emilia in particolare, e già fiaccato dalla crisi, quello tessile.

“Nel recente passato l’UE ha inserito il Pakistan nel cosiddetto ‘sistema generalizzato delle preferenze’ per consentire alle fabbriche del Paese (nelle quali le condizioni di lavoro sono ancora disumane) di vendere prodotti sul mercato europeo senza pagare dazi doganali, o pagandoli in misura molto ridotta – scrive l’associaizione imprenditoriale in una nota – Il provvedimento, in scadenza lo scorso 31 dicembre, è stato prorogato al 31/12/2017 per voto unanime dell’Europarlamento: 75 prodotti provenienti dal Pakistan continueranno a entrare in Europa attraverso una corsia preferenziale, il 70% con un dazio doganale molto basso e un 20% senza alcun dazio. Peccato che, nel frattempo, il dazio pagato dalle aziende europee in Pakistan rimarrà lo stesso: il 25%. Non sono le tanto barriere all’ingresso nel mercato pakistano a preoccupare le imprese italiane del tessile: preoccupa, semmai, la persistente concorrenza di un Paese che proprio attraverso lo scarso rispetto delle norme di tutela dei lavoratori pratica già prezzi estremamente competitivi. Questo trattamento di favore produrrà un danno al mercato interno che il presidente di ‘Sistema Moda Italia’ Claudio Marenzi stima in “120mila posti di lavoro a livello europeo, 40mila dei quali in Italia”. Il Pakistan è il quindicesimo fornitore dell’Italia nell’industria tessile e moda, e quindi un competitor già forte per il mercato interno. Inoltre l’UE premia con dazi minimi anche altri Paesi, quali Armenia, Bolivia, Capo Verde, Costa Rica, Ecuador, Georgia, Mongolia, Paraguay e Perù”.

“Tra queste 40.000 posti a rischio, ovviamente ce ne sono anche sul nostro territorio – osserva Tamara Gualandi, presidente di CNA Federmoda Modena – Non sfuggiamo certo alla responsabilità di contribuire all’emancipazione di Paesi economicamente meno fortunati, ma viene da chiedersi perché l’Europa decida di farlo con una norma che penalizza la libera concorrenza tra le aziende e, in ultima analisi, le aziende stesse. Le imprese italiane del settore tessile-abbigliamento, che proprio dall’Europa attendono da tempo segnali sulla tutela di un marchio di qualità assoluta come il ‘Made in Italy’, si trovano invece a fronteggiare un nuovo ostacolo a una più equa concorrenza>.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet