Operaio ucciso, cantiere e ruspa sotto sequestro


BOLOGNA, 22 DIC. 2010 – Il cantiere edile di Fossa Cava, alla periferia di Bologna, dove ieri un giardiniere filippino di 43 anni è morto rimanendo vittima di un incidente sul lavoro, verrà sequestrato. Lo ha disposto il pm Antonella Scandellari. Sotto sequestro anche la ruspa che ha colpito con la sua benna l’operaio, uccidendolo sul colpo. Come avviene in questi casi è indagato per omicidio colposo l’operatore che era sulla ruspa. La vittima, Pablito Balag, di 43 anni, lavorava per una ditta di giardinaggio di Castello d’Argile, nel Bolognese. Stava facendo lavori di disboscamento nell’area del cantiere, quando é stato urtato dalla ruspa.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet