Online le buone pratiche per produrre e consumare


BOLOGNA, 27 OTT. 2010 – Che tu sia produttore o consumatore non importa, il comandamento è sempre lo stesso: la sostenibilità. Un termine che ha un suo sinonimo nella parola eco compatibilità. Lo scopo, insomma, è sempre lo stesso, mai ripetuto a sufficienza: rendere minimo l’impatto sull’ambiente. Vale a dire ridurre i rifiuti, consumare meno energia elettrica, materie prime, acqua, gas, ecc. Per promuovere pratiche utili a centrare questo obiettivo è ora online un sito della Regione Emilia-Romagna con un lunga lista di spunti per imprese e consumatori."Perché unire le due figure è importante per avere una comunità protagonista del proprio sviluppo." sottoline l’assessore alle Attività produttive ed Economia verde, Gian Carlo Muzzarelli. "Del resto – continua – la diffusione delle informazioni è fondamentale, tanto per l’utilizzo delle migliori tecnologie per produzioni di qualità e senza impatto sul territorio, quanto per un consumo consapevole, a tutela della salute e dell’ambiente". Il sito vuole da un lato sensibilizzare i consumatori fornendo informazioni che permettono di fare acquisti con consapevolezza e responsabilità, dall’altro si rivolge al mercato promuovendo strumenti (certificazioni e tecnologie ambientali), per far sì che le produzioni corrispondano sempre più ai criteri dello sviluppo sostenibile.Ciò avviene attraverso due macro-sezioni, facce della stessa medaglia: una dedicata alla produzione e una al consumo sostenibile. Come ridurre l’impatto dei propri processi produttivi? Quali sono le principali tecnologie innovative in campo ambientale? Come gestire al meglio gli aspetti ambientali in azienda? Le imprese trovano risposta a queste domande nell’area ‘Produzione’ del sito: produrre beni e sviluppare economie con minori risorse, per esempio riducendo i consumi di energia, di materie prime o di produzione di rifiuti, innesca un circolo virtuoso di eco-efficienza e promuove modelli di produzione sempre più ecocompatibili. All’interno di quest’area l’utente può consultare oltre 300 schede relative a tecniche e tecnologie pulite raccolte per settore produttivo e problematica ambientale, consultare alcuni casi studio aziendali ed essere sempre informati su eventi, finanziamenti e novità legislative.E’ possibile inoltre scaricare gratuitamente un software (MicroSGA) per sviluppare un sistema di gestione ambientale in forma semplificata, nonché verificare la propria posizione in riferimento ai principali adempimenti ambientali. Nella sezione ‘Consumo’, invece, sono disponibili e consultabili, tramite una mappa, oltre 1.400 iniziative legate alla sostenibilità dei consumi suddivisi tra distributori di latte fresco, di acqua non imbottigliata, di prodotti sfusi, di detersivi alla spina ma anche punti di vendita diretta di prodotti agricoli, ‘mercati del contadino’, botteghe del mercato equo solidale, Gruppi di Acquisto Solidali e ristorazione a Km 0. Una vera e propria mappa della sostenibilità dell’Emilia Romagna in cui tutti i consumatore possono misurarsi.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet