Omicidio Tartari, chiesto l’ergastolo per i fratelli Vertone


RAVENNA, 29 OTT. 2009 – Ergastolo per i fratelli Salvatore e Giovanni Vertone. Una richiesta, quella del Pubblico Ministero Roberto Ceroni, motivata dall’aggravante dei futili motivi. Nessuna possibile attenuante è stata inoltre chiesta per i due imputati per l’omicidio di Andrea Tartari, il gommista bolognese di 35 anni ucciso con cinque coltellate la notte del 20 luglio 2008 a Porto Corsini, località balneare del ravennate.Nel corso dell’udienza di oggi in Corte d’Assise a Ravenna, il pm ha ricostruito i tragici momenti di quella sera d’estate. Andrea Tartari che carica i bagagli nell’auto sulla quale sono appoggiati i fratelli Vertone. Una battuta su eventuali danni alla carrozzeria fa scaturire la lite. Giovanni Vertoni tiene fermo da dietro il giovane, Salvatore lo colpisce con pugni e calci, poi estrae dalla tasca il coltello che ha sempre con sé e sferra cinque fendenti, tutti nello stesso punto del torace, perché Tartari è immobilizzato. Una coltellata raggiunge il cuore della vittima, che morirà in ambulanza.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet