Olio, Emilia Romagna in controtendenza: +4%


Emilia Romagna in controtendenza per la produzione di olio. Mentre in Italia c’è stato un calo produttivo dell’11%, nella nostra regione la produzione di olio è aumentata di circa il 4% attestandosi sopra i 10 mila quintali, con una qualità ottima. Lo comunica Coldiretti Emilia Romagna alla vigilia della “festa dell’olio e della molitura delle olive” che si svolgerà nei mercati di Campagna Amica nel fine settimana del 24, 25 e 26 novembre. L’annata 2017 – commenta Coldiretti regionale – ha segnato il riscatto produttivo dopo il calo del 2016 quando gli uliveti subirono il pesante attacco della mosca olearia. La produzione di olio è cresciuta – informa Coldiretti Emilia Romagna – grazie ad un aumento della resa, che ha compensato il calo della produzione di olive attestatosi attorno al 10%. Quella dell’ulivo è una coltura che in Emilia Romagna è in costante crescita, secondo l’analisi di Coldiretti su dati Istat, gli impianti di ulivi sono aumentati in dieci anni del 27,5%, passando dai 3.097 ettari del 2006 ai 3.949 ettari del 2017. Grazie anche ai cambiamenti climatici, con l’innalzamento della temperatura media la pianta dell’ulivo ha ripreso ad essere coltiva in tutte le province emiliano romagnole, eccetto Ferrara. La parte del leone spetta alle province romagnole con Rimini che coltiva 1.644 ettari, seguita da Forlì-Cesena con 1.319. In queste due province viene prodotto l’olio extravergine d’oliva Dop “Colline di Romagna”. La provincia di Ravenna, dove vengono coltivati 600 ettari, ha il primato della prima Dop di olio in Italia, con l’extravergine di Brisighella. Anche in provincia di Bologna la coltivazione è in ripresa, con 320 ettari, mentre gli uliveti sono più contenuti nelle restanti province. Modena (20 ettari), Piacenza (18), Parma (16) Reggio Emilia (12). Il patrimonio olivicolo dell’Emilia Romagna è determinante sul piano economico, paesaggistico e ambientale. La coltura occupa, infatti, aree marginali che presentano elevate pendenze, difficili da coltivare, ed è proprio in questi ambiti territoriali che l’ulivo diventa un importante elemento del paesaggio rurale e svolge un ruolo insostituibile di salvaguardia dell’ambiente contro il dissesto idrogeologico. Le olive vengono trasformate in ottimo olio extra vergine da 32 frantoi dislocati nelle principali zone olivicole della regione e viene prodotto da circa 3.000 aziende, organizzate dall’Arpo, l’associazione regionale dei produttori olivicoli. Con l’arrivo dell’olio nuovo, per aiutare i consumatori a fare scelte di acquisto consapevoli la Coldiretti promuove iniziative di conoscenza con degustazioni guidate e consigli per riconoscere il vero Made in Italy dalle etichette ma anche per fare le giuste scelte di abbinamento con i piatti serviti a tavola. Quello che è considerato uno dei prodotti simbolo della dieta mediterranea, sarà al centro della festa dell’olio che sabato 25 e domenica 26 novembre si svolgerà a Parma, Ravenna e Modena. La festa prenderà il via a Cesena, il 24 novembre, dalle 18.00 alle 22.0, presso la gelateria Leoni di Campagna Amica in via Savio 562, dove per la prima volta sarà possibile degustare il gelato gourmet all’olio extravergine di oliva Dop “Colline di Romagna”, abbinato con pane romagnolo ottenuto con farine e panificato da aziende di Campana Amica con contorno di assaggi di salumi e musica romagnola. Si prosegue a Parma, sabato 25, dalle 9,30 alle 12,30, presso il mercato di Campagna Amica del Barilla Center, con la degustazione guidata dell’olio dell’azienda Concetta Mori. Alle 10,30 ci sarà il laboratorio con il tutor dell’olio per gli studenti dell’Istituto Agrario Bocchialini curato dal Consorzio dell’Olio Igp. Si prosegue a Ravenna, sabato 25 e domenica 26, dalle 10,30 alle 19,30, al mercato di Campagna Amica di Piazza San Francesco che si terrà nell’ambito di “Assaggi di Natale 2017” dove aziende produttrici di olio extravergine proporranno degustazioni guidate con sommelier dell’olio che illustrerà anche le fasi di produzione e spiegherà come leggere correttamente l’etichettatura dell’olio. Domenica 26 sarà la volta di Modena, al mercato di Campagna Amica di Largo San Francesco, con la degustazione di olio fresco dell’azienda agricola Carmelo Truncale e il pane fresco dell’azienda “il filo della polenta”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet