Occupazione, Emilia Romagna prima in Italia


Emilia Romagna locomotiva d’Italia sul fronte lavoro. A dirlo i numeri relativi al primo trimestre 2017 su base Istat. Nei primi tre mesi dell’anno dunque si registra una crescita dell’occupazione del 2,4%, con un aumento di 46.600 posti di lavoro. Gli occupati sono 1.972.760, in crescita costante negli ultimi due anni. Il risultato è un tasso di occupazione del 68,3%, che pone l’Emilia-Romagna al primo posto in Italia, dove ha raggiunto il Trentino Alto Adige. Un valore più alto sia rispetto alla media italiana (che si attesta al 57,2%) sia al Nord Est del Paese (fermo al 66,7%). Continua a scendere anche il tasso di disoccupazione: nel primo trimestre 2017 siamo al 7%, in calo di 1,3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo del 2016. L’occupazione premia le donne e un incremento dei posti di lavoro per l’universo femminile pari al 3,6% mentre per gli uomini è a un +1,4% ed è concentrato nel lavoro dipendente. “Sono numeri di grande rilievo – afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini – che attestano l’efficacia del Patto per il Lavoro ma l’obiettivo, ricorda, è quello di portare la disoccupazione al 5% nel 2020”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet