Nuovo presidente per Camst, è la prima donna


BOLOGNA, 2 APR. 2013 – Antonella Pasquariello è il nuovo presidente di Camst. E’stata eletta all’unanimità dal Cda dell’azienda di ristorazione collettiva e commerciale, che conta 11.000 dipendenti e un fatturato di un miliardo di euro. Attualmente direttore immagine e relazioni Esterne, succede a Paolo Genco, dimessosi dalla presidenza per raggiunti limiti di età. Pasquariello è il decimo presidente, e la prima donna a diventarlo, in quasi 70 anni di storia.Nata a Bologna nel 1954, dopo la laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche con una tesi in Scienze dell’alimentazione, Antonella Pasquariello iniziò a lavorare in Camst nel 1981, collaborando inizialmente a progetti di educazione alimentare nel mondo scolastico e, successivamente, con il ruolo di responsabile commerciale della cucina centralizzata di Zola Predosa, alle porte di Bologna. Nel 1985 fu nominata Direttore immagine e relazioni esterne, con il compito di progettare e coordinare tutte le attività di comunicazione di Camst e di alcune società del Gruppo e, in particolare, per assicurare la gestione e lo sviluppo dei rapporti con enti e persone di rilevanza strategica e coordinare le relazioni con la stampa. "Ringrazio il Consiglio di amministrazione della Cooperativa – ha detto la neo presidente – per avermi affidato questo prestigioso incarico. Lavoro per Camst da oltre 30 anni e ho vissuto in prima persona la crescita della nostra azienda, che è oggi protagonista nel mercato della ristorazione italiana. Nonostante il contesto di crisi economica in cui ci troviamo ad operare, anche quest’anno Camst ha previsto investimenti per 24 milioni di euro, che ci permetteranno di innovare e continuare ad essere attori importanti sul mercato. Questo è un segnale forte e positivo nei confronti dei nostri lavoratori e di tutti gli 11.000 soci della cooperativa. La mia nomina assume anche un significato importante per le tante donne che operano in Camst, che costituiscono l’86% della forza lavoro della nostra azienda". "Persone, valori, innovazione: è su queste basi – aggiunge Antonella Pasquariello – che costruiremo la Camst del futuro. La nostra è un’azienda che ha fondato il suo successo grazie al sapersi mettere sempre in gioco, cogliendo le sfide e le opportunità che si presentavano; un’azienda che – nei momenti di difficoltà – ha fatto del suo spirito di adattamento la carta vincente". Marco Minella, segretario generale, ha commentato: "Il Cda ha fatto una scelta autorevole, coerente con il percorso di rinnovamento che l’azienda ha intrapreso lo scorso mese di ottobre con la nomina di Antonio Giovanetti a Direttore Generale. In questo modo Camst sempre di più sarà in grado di coniugare efficienza, democrazia, competitività e partecipazione, come si conviene ad una grande impresa cooperativa. Camst rappresenta nel mercato uno dei punti di riferimento più importanti e guarda al futuro per lanciare nuove sfide imprenditoriali".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet