Nuovi ticket, incertezze a pochi giorni all’introduzione


©Trc-TelemodenaMODENA, 24 AGO. 2011 – Cinque giorni e poi si parte. Nel buio più completo aggiungiamo noi. Da lunedì 29 agosto, anche in Emilia-Romagna entreranno in vigore i ticket sanitari. E questo è un dato certo, come ha annunciato in una breve nota l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Carlo Lusenti. Il problema è che i dettagli del provvedimento saranno resi noti solo nei prossimi giorni, come ci è stato confermato dall’Azienda Usl di Modena, dove ancora attendono almeno un lume. E così non resta che guardare speranzosi verso la vicina Regione Toscana, dove il bilancio della prima giornata di applicazione dei nuovi ticket sanitari proporzionati al reddito è stato sostanzialmente positivo.Anche da noi i ticket saranno rimodulati in base al reddito, senza però toccare chi era già esente. Per tutti gli altri, per i farmaci di fascia A erogati a carico del Servizio Sanitario Regionale, viene introdotto un ticket in base al reddito familiare lordo, che i cittadini dovranno dimostrare presentando un’autocertificazione. Quattro le fasce, con la prima, quella dell’esenzione, rappresentata da chi non supera i 36mila euro. Sarà di 1 euro a confezione a carico di assistiti appartenenti a nuclei familiari con reddito complessivo tra i 36.000 e 70.000 euro, fino a un massimo di 2 euro per ricetta.Per i cosiddetti ricchi, invece, assistiti appartenenti a nuclei con reddito complessivo superiore a 100.000 euro, il ticket sarà di 3 euro per prescrizione, fino ad un massimo di 6 euro per ricetta. Sul fronte specialistica, aumenta di 5 euro la quota di compartecipazione del cittadino per le visite, ma anche in questo caso chi era già esente, lo rimane. Anche per quanto riguarda la risonanza magnetica e la TAC la compartecipazione del cittadino viene rimodulata sulla base della fascia di reddito del nucleo familiare. Infine, viene introdotta una quota fissa sulla ricetta con prestazioni che da sole o nel loro insieme hanno un valore tariffario superiore a 10 euro.Le misure sui ticket varate dalla Giunta della Regione Emilia-Romagna verranno applicate una volta completate una serie di adempimenti, tra cui l’adeguamento dei software per le prenotazioni, la predisposizione della modulistica per l’autocertificazione, la formazione degli operatori. Tutto in 5 giorni, comunicazione ai cittadini compresa.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet