Nuove imprese, Cna Reggio Emilila: “La crisi la pagano gli artigiani”


“I numeri del rapporto Unioncamere sull’avvio di nuove imprese nel 2013 certificano il tributo che le imprese artigiane hanno pagato, e continuano a pagare, alla crisi. Nella provincia di Reggio Emilia il saldo delle attività artigiane cessate nel 2013 è di 374 unità in meno con un -1.80%, mentre sul totale delle imprese la provincia reggiana registra una perdita di 575 unità (-1%). Cifre da brivido”. Nunzio Dallari, Presidente provinciale Cna, commenta così gli ultimi dati delle rilevazioni statistiche di Movimprese.

 

“I settori maggiormente colpiti – continua Dallari – sono stati: le costruzioni (-322 imprese), le attività manifatturiere (-164 imprese) e il trasporto (-72 imprese). E’ tempo di invertire la rotta. Dobbiamo abbandonare una politica fatta solo di tagli e di tasse. Il rigore è necessario ma senza investimenti e senza il rilancio dei consumi porta alla distruzione del sistema produttivo e all’indebolimento progressivo del Paese”.

 

“A livello nazionale nel 2013, nonostante la crisi, – incalza Nunzio Dallari – è stato aperto un numero di imprese maggiore di quelle chiuse, con un saldo di oltre 12mila attività in più (+0,2%) mentre l’artigianato, al contrario ha perso quasi 28mila imprese (-1.94%). Questo significa che la vitalità dell’imprenditoria italiana dipende fortemente dal mondo artigiano. Ai nostri artigiani e imprenditori non manca la “voglia di impresa”: mancano gli strumenti e il sostegno necessari a svilupparla”.

 

“Vogliamo delle risposte e un impegno serio da parte del Governo – conclude il Presidente CNA – ecco perché il 18 febbraio per la prima volta artigiani e commercianti scenderanno in piazza insieme a Roma per una grande mobilitazione indetta da Rete Imprese Italia, a cui parteciperanno anche gli imprenditori di CNA Reggio Emilia. Le nostre richieste? Ristabilire la concertazione con le parti sociali per coinvolgerle nella risoluzione dei problemi; avere una flessibilità regolativa del lavoro che tenga conto del momento negativo e un fisco meno opprimente e più chiaro per ridurre il caos fiscale e una pressione fiscale troppo elevata, come se il lavoro fosse un bene di lusso, e liberare risorse da destinare a investimenti e consumi”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet