Nuova tegola sul Bologna: altri 2 punti in meno


BOLOGNA, 14 GEN. 2011 – A Casteldebole sapevano tutti che sarebbe arrivata una nuova penalizzazione, ma vedere il Bologna con 2 punti in meno in classifica fa comunque male ai tifosi e alla nuova dirigenza rossoblu. Soprattutto perchè la notizia arriva in un momento di grande entusiasmo per la squadra, dopo una serie di risultati favorevoli arrivati in coincidenza con il passaggio di mano societario. La fine di un incubo di cui questa è putroppo una delle ultime conseguenze. La commissione disciplinare della Federcalcio si è riunita ieri sotto la presidenza dell’avvocato Artico e con una nota diffusa nel tardo pomeriggio ha inflitto altri 2 punti di penalizzazione al Bologna "riguardanti inadempienze Covisoc". La Disciplinare ha anche inibito per 6 mesi l’allora presidente del club Sergio Porcedda e per 2 mesi e 20 giorni l’amministratore delegato Silvino Marras. Il primo ha rinunciato a difensersi, mentre il secondo ha scelto il patteggiamento (e in serata, tra l’altro, è stato ufficialemente licenziato dalla società rossoblu).Entrambi devono comunque già scontare sei mesi di squalifica per il mancato pagamento della quota Irpef sugli emolumenti di maggio e giugno 2010. Il 17 dicembre scorso era infatti arrivata una prima condanna della Procura federale, che aveva già interessato i ragazzi di Malesani sottraendo loro un punto in classifica. La squadra rossoblu scende così a quota 22, alle spalle di Cagliari, Genoa e Fiorentina che precedeva grazie ai risultati conquistati in campo. Le restano comunque 4 punti di vantaggio sulla zona retrocessione.Sono due le violazioni contestate in questa nuova penalizzazione: la mancata attestazione del pagamento degli emolumenti per luglio, agosto e settembre 2010 e quella del pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Enpals. Ieri a Roma il Bologna era rappresentato da Luca Baraldi e difeso dall’avvocato Massimo Diana. La difesa ha preso le distanze dalla precedente gestione e chiesto l’applicazione di una sanzione pecuniaria.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet