Nuova sede per i 25 anni di Aespsystems


Asepsystems compie 25 anni e per festeggiare il primo quarto di secolo l’azienda di Sala Baganza (PR), leader nella progettazione, produzione e commercializzazione di impianti per il trattamento e confezionamento asettico di concentrati naturali di frutta e vegetali, si regala una nuova sede più grande, potenzia il proprio dipartimento tecnico e allarga la rete vendite all’estero. Nata nel 1990 per iniziativa di Renato Ponzi, pioniere per antonomasia degli impianti asettici industriali – nel 1979 è stato il primo ad aver creato sterilizzatori e riempitrici asettiche industriali completamente made in Italy con la Elpo Srl di sua fondazione, per poi dare vita ad ASTEPO (ASeptic TEchnology Ponzi) ceduta in seguito al Gruppo Bertuzzi – Asepsystems è oggi guidata dall’amministratore delegato Thomas Bertazzoni. Crescita del know how e continui investimenti in innovazione sono stati gli elementi distintivi dell’azienda fin da suo sorgere: nel 1991 Asepsystems ha realizzato la prima riempitrice asettica automatica per contenitori Bins-IBC da 1.000 litri con testa di riempimento mobile, nel 1998 è stata tra le prime tre aziende italiane a ottenere la certificazione 3A per gli standard americani, mentre nel 2007 ha presentato sul mercato la prima bag-in-box filler completamente automatizzata. “Punti di forza di questa crescita continua – spiega l’a.d. Thomas Bertazzoni – sono stati una forte esperienza nel settore e la voglia di non accontentarsi mai dei risultati raggiunti, studiando sempre soluzioni nuove in grado di soddisfare al meglio dei nostri clienti e anticipare le possibili evoluzioni del mercato. Seguendo questa impostazione, ad esempio, una decina di anni fa siamo stati tra i primi ad aver introdotto il “monoblocco” sterilizzatore e riempitrice su di un’unica piattaforma ottenendo fortissimi benefici in termini produttivi ed economici”. Oggi Asepsystems, già presente da anni sui mercati di maggiore appeal come Cina e India, sta ampliando la propria rete vendite nelle aree del Nord America e del Sud est asiatico, investendo allo stesso tempo sullo sviluppo del proprio dipartimento tecnico con l’obiettivo di presentare nel prossimo futuro nuove soluzioni capaci di rivoluzionare il proprio settore, come ha già fatto in passato. Entro la fine dell’anno, inoltre, l’azienda si trasferirà in un nuovo stabilimento più ampio che sorgerà sempre in provincia di Parma.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet