Nuova influenza, restano gravi le condizioni del ventiquattrenne di Parma


2 SET. 2009 – Sono ancora gravi le condizioni di Fabio F., il ventiquattrenne di Parma ricoverato da alcuni giorni all’Ospedale San Gerardo di Monza per una complicazione polmonare causata dall’influenza A/H1N1. La direzione sanitaria ha diramato un bolletino in cui comunica che "il paziente, affetto da insufficienza respiratoria acuta ha presentato nella giornata di ieri . La situazione clinica, per il resto, è invariata. Le sue condizioni rimangono critiche e la prognosi rimane riservata".Roberto Fumagalli, primario di anestesia e rianimazione, ha interpretato i segni di sovrainfezione polmonare riscontrati nelle ultime ore nel giovane come "un lieve peggioramento", che tuttavia era atteso. "Come abbiamo detto fin dall’inizio, nei casi di insufficienza respiratoria acuta possibili complicazioni sono attese", ha aggiunto lo specialista.Nella mattinata di oggi era intervenuto anche Luciano Bresciani, assessore alla sanità della Lombardia. chenel corso di un’intervista concessa all’Ansa. "E’ faticoso, stiamo guadagnando un punto ogni due giorni – ha dichiarato nel corso di un’intervista concessa all’Ansa – la situazione rimane grave anche se le speranze ci sono sempre. Siamo comunque confortati dal miglioramento seppur lento, gli spazi per ulteriori complicanze sono sicuramente ridotti al minimo". Il ragazzo è ancora sottoposto a respirazione assistita e a una protezione renale in dialisi continua.Sembra invece in fin di vita il cinquantenne colpito dal virus A/H1N1 e ricoverato in rianimazione nell’ospedale Cotugno di Napoli. L’uomo – D. G. le sue iniziali – ha una situazione di salute già gravemente compromessa, affetto da diabete e cardiomiopatia dilatativa."L’influenza – spiegano i medici partenopei – ha aggravato la preesistente insufficienza cardiaca, cui si è aggiunta una insufficienza renale acuta. E’ sottoposto a ventilazione controllata per consentire una sufficiente ossigenazione e a trattamento emofiltrativo. In mattinata le sue condizioni si sono aggravate".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet