Non siamo mica gli americani


©Trc-Telemodena MODENA, 12 NOV. 2010 – "Lo dico subito, non mi dimetto, aspetto di essere sfiduciato". Battuta pronta e analisi pungente: rientrato dall’America dove si è occupato delle elezioni di mid term, Vittorio Zucconi arriva a Modena e subito commenta la situazione politica che sta attraversando il paese: "Le cose speriamo che cambino anche qui e che diventiamo un po’ come l’America, cioè che quando qualcuno non fa bene al governo viene castigato dagli elettori. Anche se è vero che il presidente Obama non ha a disposizione televisori e giornali per truccare quello che fa".Per il corrispondente di Repubblica e direttore di Radio Capital forse non lo sa ancora nessuno, ma Vittorio Zucconi ha una granitica fiducia nel presidente della Repubblica: "Ho molta fiducia in Napolitano, non credo che lascerà il Paese e il Parlamento andare malora facendo chissà quali esercizi. C’è un Parlamento eletto, se lì c’è una maggioranza si farà un governo con quella maggioranza. Mi pare che l’abbia detto anche l’opposizione, per quello che è: il problema è un nuovo governo senza più Berlusconi".Il giornalista modenese abituato a intervistare i potenti del mondo non scherza su una cosa, sulla tragedia della politica italiana, negli ultimi 20 anni regredita profondamente: "Secondo me esiste una differenza tra uno che ama le donne e un puttaniere, non sono necessariamente sinonimi, anzi spesso sono parole in contraddizione. Non lo chiamerei tanto "teatrino", perché noi possiamo ridere, ma in realtà questa è una tragedia, è la tragedia di una politica italiana che negli ultimi vent’anni, nella famosa seconda repubblica, non ha fatto che degenerare, andando di peggio in peggio dietro l’apparenza di un nuovo modo di fare politica. In realtà noi siamo regrediti profondamente.A VINCENZO LINARELLO IL PREMIO ZUCCONIVittorio Zucconi è in città anche per la quinta edizione del Premio internazionale intitolato al padre, Guglielmo Zucconi. Il riconoscimento è stato conferito a Vincenzo Linarello, giovane presidente del consorzio sociale della Locride impegnato per lo sviluppo della Calabria e nella lotta alla ‘ndrangheta. Domani pomeriggio, dalle 17.30, al Baluardo della Cittadella la cerimonia alla presenza del sindaco Giorgio Pighi e del magistrato antimafia Nicola Gratteri. Il Premio internazionale Guglielmo Zucconi è un riconoscimento assegnato ogni due anni a chi opera in Italia e nel mondo a favore delle nuove generazioni.OSPITE A NAUTILUSVittorio Zucconi sarà l’ospite d’eccezione della puntata di Nautilus, il settimanale di approfondimento curato da Ettore Tazzioli, che andrà in onda questa sera su Trc Telemodena. Nautilus sarà trasmesso alle 21.15, con replica sabato a mezzogiorno.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet