“Non ci saranno altri tagli, ma la crisi non è finita”


©Trc-TelemodenaMODENA, 12 GEN. 2012 – Un quadro preoccupante, ma non così sconvolgente come poche settimane fa lo si sarebbe immaginato. Maria Cecilia Guerra, chiamata a far parte del Governo Monti come sottosegretario al ministero del lavoro e delle politiche sociali, tratteggia così l’Italia che oggi affronta la crisi economica. Il reddito a disposizione delle famiglie, che in Paesi come il nostro ha permesso di affrontare la parte iniziale del declino, non è più sufficiente per dare risposte positive. Le politiche del Governo stanno però dando buoni risultati e lo spread è sceso oggi sotto i 500 punti dopo il successo dell’asta dei Buoni ordinari del Tesoro. "Non è dall’andamento di questa o di un’altra giornata che si può giudicare l’azione del Governo – ha spiegato l’economista modenese – Piuttosto è importante che l’Italia, con una manovra impegnativa e un Presidente del Consiglio credibile, si sia messa nelle condizioni di trattare alla pari con gli altri Paesi".
Sul tema del welfare il sottosegretario, intervistato dal direttore di viaEmilianet e di Trc-TeleModena Ettore Tazzioli nell’ambito dell’incontro organizzato dalla Fondazione Gorrieri, guarda al futuro senza ipotizzare nuovi tagli che vadano ad appesantire ulteriormente un settore già gravemente provato dalle ultime manovre. “Non ci saranno altri tagli, ma la crisi non è finita e serve capire se il welfare può sostenere quelli già effettuati”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet