Nitrati nelle acque, l’Ispra “assolve” la zootecnia


“L’Ispra assolve la zootecnia, attestando che la contaminazione delle acque è da attribuirsi solo per il 10% ai nitrati contenuti nelle deiezioni animali distribuite nei campi per fertilizzare. L’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale conferma quindi quello che gli imprenditori agricoli hanno sempre sostenuto”. E’ il commento di Cristiano Fini di Agrinsieme Modena, il coordinamento che rappresenta le aziende e le cooperative di Cia, Confagricoltura, Copagri e Alleanza delle cooperative italiane (Agci-Agrital, Fedagri-Confcooperative e Legacoop Agroalimentare). Secondo la ricerca dell’Ispra, infatti, il 90% della contaminazione è dovuta agli scarichi industriali e civili. I risultati dell’indagine sono stati resi noti il 28 maggio scorso dai ministeri dell’Ambiente e delle Politiche agricole.

 

“E’un risultato che discolpa un comparto troppo spesso criminalizzato – dice il coordinatore di Agrinsieme Fini – una voce nel panorama economico modenese molto significativo, ma che ha perso negli anni importanza e competitività per le numerose restrizioni normative”. Infatti i suini allevati a Modena sono calati nel 2013 di 22.400 capi, con una diminuzione del 7 per cento rispetto al 2012. Si arriva così a 295 mila 623 capi allevati, quando nel 2002 erano oltre 473 mila. “E’ giunto il momento – osserva infine Fini – di non colpevolizzare più le imprese, che peraltro osservano le rigorose normative ambientali e che incidono pesantemente sui costi produttivi, ma fornire agli allevamenti tutti i supporti necessari per renderle più competitive, nel rispetto delle regole europee”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet