Niente moschea a Cesena: la comunità musulmana chiede i danni


in collaborazione con Teleromagna 21 GEN. 2009 – Un ricorso al Tar per chiedere l’annullamento della decisione assunta dal comune di Cesena, ma anche un risarcimento danni. E’ quanto fatto, tramite un legale, dalla comunità musulmana cesenate, in merito al diniego dell’amministrazione comunale di realizzare un Centro islamico in un immobile a Torre del Moro. La richiesta di risarcimento danni, la cifra non è stata ancora definita, è in relazione non solo per l’impossibilità nell’utilizzare l’immobile acquistato, ma anche per essere discriminati in relazione al proprio credo religioso. Nel ricorso si sostiene come il provvedimento del Comune ‘violi’ il diritto di riunione e di libertà di professione della propria fede religiosa citati nella costituzione. Attualmente i musulmani, su concessione del Comune cesenate, si riuniscono in preghiera in una sala di un ex istituto scolastico. La comunità musulmana contesta però il fatto che la pianificazione urbanista cesenate non preveda aree destinate a servizi religiosi al di fuori delle strutture già esistenti e di una nuova parrocchia.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet