New York, spopola il food made in Emilia Romagna


Dalla via Emilia a New York, protagonisti, per cominciare, Parmigiano Reggiano Dop, Prosciutto di Parma e Piadina romagnola. Si è aperto nel nome del Re dei formaggi, di quello dei prosciutti e della ‘piada’ doc la rassegna delle eccellenze enogastronomiche della Food Valley dell’Emilia-Romagna, prestigiosa vetrina che la Grande Mela ospita fino al 20 novembre nell’ambito della prima Settimana della cucina italiana nel mondo, l’iniziativa promossa dal ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale in collaborazione con quelli dell’Agricoltura, dello Sviluppo economico e dell’Istruzione, per la promozione del miglior Made in Italy.

Negli spazi di Eataly Dowtown,nei pressi del World Trade Center, la settimana che vede l’Emilia-Romagna mettere a tavola il mondo, inaugurata dal presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, si è dunque aperta con il suggestivo taglio di una forma stagionata da parte di un maestro casaro. I segreti delle diverse stagionature del Parmigiano e gli abbinamenti in cucina sono stati illustrati al pubblico newyorkese dal giornalista enogastronomico Riccardo Costa, mentre il formaggio è stato servito in abbinamento con il Sangiovese di Romagna. Un’occasione unica per conoscere da vicino un prodotto di grande tradizione, la cui produzione segue le stesse procedure di otto secoli fa: solo il latte pregiato della zona d’origine, nessun additivo e conservante, la cottura nelle caldaie di rame, i gesti sapienti dei maestri casari, il lento invecchiamento. Il tutto in un’area limitata alle provincie di Parma, Reggio Emilia e Modena, più i comuni della provincia di Bologna a sinistra del fiume Reno e di quelli della provincia di Mantova a destra del fiume Po.

Il Parmigiano Reggiano Day – organizzato dalla Regione in collaborazione con il Consorzio del Parmigiano Reggiano, l’Enoteca dell’Emilia-Romagna e i cuochi dell’Associazione Chef to chef – è la prima di una serie di giornate dedicate che fino al 20 novembre vedrà in mostra i prodotti Dop e Igp regionali. E oggi ancora il territorio di Parma protagonista negli spazi di Eataly con il Prosciutto di Parma Day, il secondo degli appuntamenti con le eccellenze made in Emilia-Romagna. Degustazioni in abbinamento con la Piadina Romagnola Igp e la Malvasia dei Colli di Parma.

Poi gli appuntamenti con gli Aceti balsamici, il Cotechino di Modena la Mortadella di Bologna, il Sale di Cervia. Fino al gran finale con il trionfo delle paste ripiene,nel solco della più genuina tradizione emiliano-romagnola. Parlano emiliano-romagnolo molti dei prodotti enogastronomici più apprezzati nel mondo, simboli della nostra terra e del suo saper fare- ha affermato Bonaccini-. Del resto, l’Emilia-Romagna detiene il record per produzioni di qualità, è infatti la prima regione in Europa per numero di prodotti la cui origine e denominazione protetta vengono certificate dalla Ue: sono 44 in totale, 19 Dop e 25 Igp.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet