Nell’integrativo Lamborghini 150 assunzioni


L’aumento del premio di produzione, ulteriori 150 assunzioni a tempo indeterminato e l’impegno ad avviare un piano di formazione sulla Costituzione italiana. E’ quanto prevede l’ipotesi di accordo sul rinnovo del contratto integrativo in Automobili Lamborghini per il 2018, che nei prossimi giorni sarà sottoposto al referendum di tutti i dipendenti. Sull’occupazione l’ipotesi di accordo prevede che dopo le 500 assunzioni a tempo indeterminato effettuate nell’ambito del progetto del Suv Urus (dal 2015 ad oggi) e le 200 contenute nell’accordo sull’impianto di verniciatura (da completare entro il 2020), Lamborghini realizzi un nuovo pacchetto di ulteriori 150 assunzioni a tempo indeterminato tra luglio 2018 e aprile 2019. Per quanto riguarda la parte economica, invece, l’accordo – fanno sapere Fiom Cgil Bologna e Fim Cisl – prevede un incremento del premio di risultato dai 2.700 euro del 2017 ai 3mila euro per il 2018 (con erogazioni nel 2019). Inoltre, si è stabilito anche che una quota, il 10%, della media dei premi erogati nei prossimi anni confluisca in un nuovo “elemento retributivo annuale”, le cui modalità saranno definite nell’accordo per il triennio 2019-2021, sulla base di un principio di ridistribuzione dei risultati positivi attesi in termini di produttivita’ e reddittività. Infine, “di grande rilevanza, anche per la discussione politica e sociale in corso – hanno spiegato i sindacati -, è l’impegno ad avviare un piano straordinario di formazione, retribuita e in orario di lavoro, per i dipendenti di Automobili Lamborghini sui contenuti della Costituzione italiana”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet