Nel ravennate ripartono manifatturiero e costruzioni


Nel ravennate ripartono il manifatturiero e le costruzioni. Nel primo trimestre del 2017, il primo vede la produzione a +4,1%, una crescita sostenuta e più elevata di quella media in regione (+3,1%). Il che colma il gap che negli ultimi trimestri aveva allontanato la provincia dalla media regionale, spiega la Camera di Commercio di Ravenna. E’ il mercato interno a trainare le vendite, e il fatturato complessivo, infatti, cresce del 5,1% e quello estero del 3,4%. In ascesa anche gli ordini complessivi (+5,4%) mentre crescono meno quelli esteri (+1,5%). A giugno, poi, le settimane di produzione assicurata sono 9,5 e, intanto, la percentuale di utilizzo degli impianti sale rispetto agli ultimi trimestri portandosi a quota 78,1% dal 74,9 di fine 2016. Rispetto al trimestre precedente, insomma, tutti gli indicatori congiunturali segnalano un prevalere delle variazioni positive. In particolare, per la produzione più della metà delle imprese (52%) dichiara un aumento, contro il 12,4% che vede una diminuzione e il 35,5% che parla di stabilità. Il saldo tra chi osserva una crescita e chi una flessione è del 39,6%, il valore più elevato per il secondo trimestre dell’anno a partire almeno dal 2005. Per il fatturato la percentuale delle imprese che dichiarano una crescita (47,2%) supera di 33,3 punti percentuali quella delle imprese che registrano una flessione (13,9%), mentre il 38,8% dichiara una stabilita’. Infine per gli ordinativi il saldo è del 34,9%. Il 46,8% delle imprese indicano un aumento, l’11,9% una diminuzione e il 41,3% nessuna variazione. Passando alle previsioni per il trimestre successivo, va considerato il rallentamento dell’attivita’ tipico dei mesi estivi, che si riflette nelle previsioni per il terzo trimestre. Un focus sulle costruzioni vede, sempre nel trimestre, un fatturato a +1,4% rispetto all’anno precedente e un crescita che conferma la tendenza positiva avviata alla fine del 2016.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet