Nel 2013 Pil a segno piùErrani guarda avanti


BOLOGNA, 13 GEN. 2013 – Vasco Errari assicura che il Pil del 2013 sarà a segno più, contrariamente a quanto accaduto nel 2012. E’ l’obiettivo che che il presidente della Regione ha in mente per l’Emilia-Romagna, per la prima volta in negativo lo scorso anno in gran parte a causa delle conseguenze del sisma: "A fine 2013 dobbiamo avere un Pil a segno più, dobbiamo riuscirci senza incertezze", ha spiegato, concludendo un convegno sull’artigianato in Regione. Secondo Errani, che è anche commissario straordinario per il sisma, "adesso abbiamo tutte le condizioni per assicurare la ricostruzione, dal punto di vista delle risorse e delle procedure". Dunque evitando, ha sottolineato, "di fare paragoni o raffronti", l’Emilia-Romagna dovrà dare un esempio a tutto il Paese. "Siamo obbligati a dimostrare una qualità e una serietà nell’utilizzo delle risorse pubbliche che in nessun’altra esperienza precedente si può trovare", ha scandito Errani, disposto anche "a cambiare politiche e procedure, ma solo nel momento in cui c’é uno scambio di responsabilità: nessuno di noi è figlio di un’ordinanza. E serve un salto di qualità nel riordino istituzionale, noi cercheremo di fare un’esperienza pilota".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet