Nasce il più grande caseificio della Pedemontana


Proseguono le aggregazioni tra i caseifici aderenti a Confcooperative Modena, le cui cooperative trasformano in Parmigiano-Reggiano oltre il 60 per cento del latte che esce dalle stalle modenesi. È operativa la fusione per incorporazione tra la cooperativa casearia S. Silvestro di Castelvetro e la cooperativa casearia Val Tiepido di Torre Maina di Maranello, entrambe nate nel 1974. Per festeggiare la fusione, dopodomani – sabato 21 marzo – l’ormai ex caseificio Val Tiepido (via Montanara 5 a Torre Maina) apre le porte al pubblico e offre per tutto il giorno borlenghi e Lambrusco; l’iniziativa si svolge anche in caso di pioggia. A seguito di questa operazione, approvata all’unanimità dai soci delle due cooperative, il S. Silvestro conta ora 28 aziende agricole socie che conferiscono complessivamente 80 mila quintali di latte; con una produzione annua che supera le 14 mila forme, il caseificio di Castelvetro diventa il più grande produttore di Parmigiano Reggiano della Pedemontana. «Ci siamo messi insieme perché l’unione fa la forza e ci permette di affrontare meglio l’attuale crisi dei prezzi del “re dei formaggi”», spiega Giuseppe Amorotti, l’imprenditore agricolo di Castelvetro che quest’anno taglia il traguardo dei quarant’anni alla guida del caseificio S. Silvestro. La lavorazione del latte e la produzione del Parmigiano Reggiano sarà effettuata solo a Castelvetro, mentre entrambi gli stabilimenti mantengono la stagionatura del formaggio, il punto vendita e l’allevamento dei suini. «Esprimiamo soddisfazione per l’esito positivo di questa operazione, che abbiamo appoggiato e incoraggiato – commenta il direttore di Confcooperative Modena Cristian Golinelli – Le difficoltà del settore lattiero-caseario, infatti, richiedono la ricerca della massima efficienza e del contenimento dei costi. L’aggregazione tra strutture è una delle strade, anche se non l’unica, che permette ai caseifici di realizzare economie di scala».

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet