Montezemolo stacca un biglietto per le politiche 2013


21 DIC. 2011 – Per Italia Futura è l’ora dell’azione. Lo dice Luca Cordero di Montezemolo, papà dell’associazione nata come serbatoio di idee e di persone che possano migliorare il Paese. "Il prossimo anno occorrerà preparare, in vista del 2013, l’apertura di una nuova stagione della politica italiana", scrive l’ex numero di uno di Confindustria sul sito di Italia Futura. Un appello rivolto ai suoi associati che ora hanno un compito ben preciso: lavorare sul territorio "con l’obiettivo di avere una rete regionale forte e radicata in tutta Italia entro giugno".La road map del think tank, da oggi ancora più vicino a trasformarsi in un partito, segna dunque la direzione delle politiche del 2013. Un traguardo considerato "storico" e non "una tappa di routine". Compito di Italia Futura sarà "promuoverete la svolta di programmi e persone che l’Italia si merita". "La seconda repubblica ha fallito – afferma – Ostaggio di populismi di destra e sinistra, la politica ha perso progressivamente contatto con i problemi quotidiani degli italiani e con le sfide imposte da uno scenario internazionale difficile, ma anche ricco di opportunità"."Alla nuova stagione politica che si aprirà – nota Montezemolo – gli italiani vogliono partecipare con spirito civico e passione per ricostruire la nostra democrazia. Ripristinare una politica forte, autorevole e credibile è la vera sfida che ci attende nel prossimo anno. Perché sarebbe del tutto velleitario sperare, come pure qualcuno fa nelle stanze dei partiti, che tutto cambi affinché niente cambi"."Quando le scadenze istituzionali porteranno nuovamente i cittadini alle urne, l’offerta elettorale dovrà essere composta da una nuova leva di idee e classi dirigenti che si contenderanno il consenso democratico lasciandosi alle spalle una stagione fallimentare – prosegue – In nessun caso gli italiani accetterebbero di veder tornare gli stessi protagonisti che hanno condotto il paese a questa situazione.Rinnovare profondamente la classe dirigente politica rimane per l’Italia una priorità assoluta", sottolinea Montezemolo. Perciò Italia Futura intensificherà "il lavoro sul territorio, con l’obiettivo di avere una rete regionale forte e radicata in tutta Italia entro giugno".Promuoverà inoltre "l’adozione di provvedimenti, concreti e operativi", a partire da "una proposta per la rapida alienazione del patrimonio pubblico e la conseguente riduzione del debito".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet