Modena, un ponte verso Myanmar


Il Myanmar, la Repubblica dell’Unione della Birmania, sta conoscendo una fase di rapido sviluppo, una sorta di boom economico, con tutto quello che ciò comporta in termini di benefici, ma anche di difficoltà di gestione. Un paese che si è aperto al mondo da pochissimi anni, di fatto dopo le elezioni politiche dell’aprile 2012. Modena ora getta un ponte verso il Myanmar: nel futuro sviluppo del paese dell’Asia Sud Orientale giocheranno un ruolo importante anche Unimore con il suo dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari e Piacentini costruzioni, la società specializzata nella realizzazione di costruzione e infrastrutture civili, oltre che nelle energie rinnovabili e nella distribuzione di gas. L’organizzazione no profit Stepp International ha promosso un accordo, una dichiarazione d’intenti firmata al Tecnopolo di Modena.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet