Modena, tecnico Telecom muore a due giorni dalla pensione


MODENA, 29 DIC. 2009 – Il tecnico della Telecom rimasto vittima di un grave incidente sul lavoro ieri mattina a Sozzigalli di Soliera, nel modenese, è morto in giornata. L’uomo, Massimo Labia, 54 anni di Carpi, era al suo penultimo giorno di lavoro. Ieri, intorno alle 11 era caduto a terra da una altezza di tre metri, battendo il capo, mentre lavorava all’allacciamento della rete telefonica in un capannone. Secondo le prime ipotesi a farlo cadere è stato il cedimento di un controsoffitto. E’ stato soccorso dal 118 e portato all’ospedale di Baggiovara, dove successivamente è spirato."L’infortunio dimostra che occorre estendere a tutte le lavorazioni il protocollo anti cadute dall’alto applicato da anni nel settore ceramico e che ha dato buoni risultati in termini di prevenzione degli infortuni" ha detto Pasquale Coscia, responsabile delle politiche del lavoro e della sicurezza per Cisl di Modena, ricordando che il tecnico è la nona persona deceduta quest’anno sui luoghi di lavoro a Modena e provincia. Coscia ha espresso vicinanza ai familiari della vittima. Nello stesso tempo, ha aggiunto Coscia, "vogliamo richiamare l’attenzione di tutte le associazioni datoriali, le istituzioni e gli organi di vigilanza affinché si metta in atto il massimo sforzo per realizzare concretamente le condizioni di totale sicurezza sul lavoro".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet