Modena mette un cavallino in ateneo


©Trc-TelemodenaMODENA, 22 DIC. 2011 – Da oggi i motori del Cavallino Rampante verranno creati – anche – alla facoltà di Ingegneria Enzo Ferrari. Nasce il “LaboratorioRosso”, nuovo gioiello tecnologico nato dalla collaborazione tra il colosso motoristico di Maranello e l’Università di Modena e Reggio Emilia. Workstation ad alta capacità di calcolo, per l’analisi dei motori ad alte prestazioni. Non motori qualsiasi, motori Ferrari: la facoltà di Ingegneria meccanica che porta il nome del Drake consolida, a partire da oggi, la collaborazione già stretta con il colosso motoristico di Maranello, mettendo le proprie menti più brillanti alla prova su progetti ad altissima complessità, nel nuovo Laboratoriorosso. Un nuovo modo di misurarsi direttamente col proprio ambito professionale tra le mura dell’ateneo, per i 180 studenti provenienti da tutto il mondo che seguono il corso di laurea magistrale in Ingegneria del Veicolo, il primo in Italia e uno dei pochi a livello mondiale. Ma la sinergia tra Università di Modena e Reggio Emilia e grandi aziende dei diversi settori è destinata, nell’Ingegneria in particolare, a conoscere nuovi progetti di analoga portata nell’immediato futuro.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet