Modena, inflazione in calo


È stata calcolata a – 0,1 % l’inflazione a Modena di ottobre 2016 su base tendenziale annua. Identica la variazione su base congiunturale mensile rispetto a settembre, secondo le rilevazioni del servizio Statistica del Comune di Modena per il calcolo dell’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic). Tra le 12 divisioni esaminate, due risultano invariate, tre crescono, sette calano.
In “Servizi sanitari e spese per la salute” registrano una variazione negativa nel mese le spese per alcuni servizi medici a pagamento. La divisione “Trasporti” è in flessione per effetto dei cali registrati in larga parte dal trasporto passeggeri aereo e su rotaia. In aumento la spesa per l’acquisto dei carburanti alla pompa. Il calo della divisione “Comunicazioni” si deve alla minor spesa registrata per l’acquisto di apparecchi per la telefonia mobile. Alla diminuzione congiunturale mensile di “Ricreazione, spettacolo, cultura”, invece, hanno contribuito variazioni assai differenziate, rilevate tra le diverse classi di spesa della divisione. In particolare risultano in diminuzione pacchetti vacanza e alimenti per animali. In aumento, al contrario, apparecchi foto-video, giochi elettronici, libri (a rilevazione nazionale), fiori, servizi per animali domestici, servizi culturali (a rilevazione locale). Prosegue anche a ottobre il trend congiunturale negativo della divisione “Prodotti alimentari e bevande analcoliche (-0,2%). Nelle classi di spesa si registrano diminuzioni su prodotti ittici, frutta fresca, latte e uova. In controtendenza risultano in aumento ortaggi e patate, confetture e cioccolato, acque minerali. Stessa diminuzione (-0,2%) a “Mobili, articoli e servizi per la casa”. In diminuzione la spesa per l’acquisto di piccoli utensili e accessori. In aumento piccoli elettrodomestici, articoli tessili per la casa. In lieve calo, infine, anche la divisione “Altri beni e servizi”, dove si è rilevata in diminuzione la spesa per l’acquisto di prodotti per la cura della persona e prodotti di oreficeria. Le due divisioni senza variazioni sono “Bevande alcoliche e tabacchi”, dove crescono le birre italiane ed estere ma calano alcolici e vini spumanti, e “Servizi ricettivi e di ristorazione”, divisione in cui si segnalano aumenti sulle consumazioni al bar, compensate dalla diminuzione delle tariffe alberghiere. L’aumento percentualmente più rilevante (0,5%) si è registrato per “Abbigliamento e calzature”, determinato in larga parte dall’entrata sul mercato degli articoli di vestiario della nuova stagione autunno-inverno. Incremento congiunturale appena più lieve (0,4%), alla divisione “Abitazione, acqua, elettricità, combustibili”, a cui hanno contribuito gli aumenti registrati sulle nuove tariffe gas uso domestico e gasolio da riscaldamento. Il modesto aumento su base mensile della divisione “Istruzione”.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet