GRANT THORNTON PREMIO “LE TIGRI”: A ITALVIBRAS SPA LA MENZIONE “POLITICHE COMMERCIALI”


modena 3 LUGLIO A Italvibras S.p.A. – società emiliana attiva nella produzione di motovibratori per molteplici applicazioni industriali – è stata assegnata la menzione “Politiche Commerciali” del premio “Le Tigri”, il riconoscimento giunto alla sua quarta edizione, pensato per tutte le PMI, società di capitali e gruppi non quotati, che hanno avuto la capacità di creare soluzioni strategiche in grado di garantire la crescita e il mantenimento di positivi indicatori economici e finanziari anche nel periodo della crisi economica. Il premio “Le Tigri” è promosso da RIA Grant Thornton S.p.A. e realizzato con il contributo del Banco Popolare e Quaeryon, con il supporto scientifico di Cerif – Centro di Ricerca sulle Imprese di Famiglia dell’Università Cattolica, Fondazione CUOA e Kilometro Rosso.”Desideriamo innanzitutto ringraziare la Giuria per il premio ricevuto; la specializzazione e la qualità dei nostri prodotti, conosciute e apprezzate a livello internazionale – dichiara Carlo Silingardi, presidente di Italvibras – hanno definito i dettagli delle nostre politiche commerciali: assistenza massima al cliente, studio delle diverse possibilità applicative e continuo sviluppo del prodotto sono pilastri su cui da sempre fondiamo la nostra proposta. Vorremmo condividere questo riconoscimento con tutti i collaboratori e le risorse con cui quotidianamente lavoriamo per la soddisfazione del cliente, asset principale di un’offerta commerciale vincente.”La vincitrice assoluta del premio è stata la Steelco S.p.A. – società trevigiana attiva nel settore delle apparecchiature medicali per il lavaggio e il trattamento di ferri chirurgici per le centrali di sterilizzazione e per la pulizia degli strumenti usati dall’industria farmaceutica – mentre altre menzioni speciali sono state assegnate a: Dolfin S.p.A. (Humanistic Innovation), Indeco S.p.A. (Internazionalizzazione), Cima S.p.A. (Innovazione di Prodotto) e Persico S.p.A. (Ricerca & Sviluppo).Le aziende finaliste sono state selezionate dalla Giuria tra le oltre 70 candidature di PMI pervenute nel corso di questi mesi. Va segnalato che tra le aziende candidate al Premio, il 71% circa proviene da imprese familiari con un fatturato compreso tra i 10 e i 50 milioni di euro, con a capo un imprenditore di seconda o terza generazione; a livello di attività, le Aziende candidate appartengono nel 21% dei casi al settore dei servizi e per il 79% al settore manifatturiero. Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna sono infine le regioni più rappresentate. “Anche in questa edizione abbiamo avuto l’oportunità di venire a contatto con straordinarie realtà – dichiara Lelio Bigogno, partner RIA Grant Thornton e coordinatore del Premio “Le Tigri” – Aziende e Imprese che, in tutta Italia, hanno saputo non solo resistere e affrontare con coraggio la crisi, ma anche crescere, innovare, internazionalizzare e aggredire nuovi mercati, con grande attenzione al proprio capitale umano. Storie spesso ricche di quella creatività necessaria per superare momenti di grande difficoltà come quello attuale, accompagnata da quella imprescindibile passione imprenditoriale che anima da Nord a Sud il tessuto delle PMI italiane”La Giuria, presieduta dal professor Andrea Amaduzzi, docente di Economia Aziendale presso l’Università degli Studi di Milano-Bicocca ha esaminato le candidature pervenute analizzando alcune caratteristiche delle società, tra cui: intenazionalizzazione, innovazione di prodotto, ricerca & sviluppo, humanistic innovation e politiche commerciali, arrivando così a nominare le sei Aziende finaliste, tra cui è stata prescelta Steelco S.p.A.“Non è stato affatto semplice scegliere le Aziende finaliste e quindi la vincitrice – dichiara il presidente della Giuria, Andrea Amaduzzi – in ognuna delle candidate, infatti, abbiamo identificato elementi di assoluta eccellenza. Un’altra testimonianza, se cene fosse bisogno, della ricchezza e della vitalità delle nostre piccole e medie imprese, che costituiscono un patrimonio che non può in nessun modo essere dissipato ma che deve essere, in questa complessa crisi, con tutti i mezzi possibili aiutato e valorizzato”.Steelco S.p.A – Vincitore Assoluto premio “Le Tigri” 2012Steelco S.p.A. è una Azienda della provincia di Treviso fondata nel 1997 che opera in Italia e all’estero nel settore del lavaggio e disinfestazione: la Società oggi si attesta come la più importante realtà italana produttrice di apparecchiature medicali per il lavaggio e il trattamento di ferri chirurgici per le centrali di sterilizzazione e per la pulizia degli strumenti usati dall’industria farmaceutica. Fin dalla nascita, Steelco è stata in prima linea di innovazione e progresso tecnologico nel settore disinfezione. Negli ultimi anni si è fortemente impegnata per diventare una forza importante per la pulizia e disinfezione nel settore sanitario, di laboratorio e farmaceutiche. Steelco fornisce un servizio di supporto tecnico completo per le sue macchine, compresa la pianificazione del sistema di CSSD e personalizzato configurazioni di layout per gli impianti di progetto.Italvibras S.p.A. – Menzione: Politiche CommercialiItalvibras dal 1959 produce motovibratori per molteplici applicazioni industriali. Questa scelta strategica ha consentito a Italvibras di investire tutte le proprie risorse umane, progettuali e tecnologiche nello sviluppo del motovibratore, raggiungendo traguardi eccellenti per qualità e affidabilità di prodotto. La specializzazione ha permesso a Italvibras di concentrarsi sull’implementazione delle diverse possibilità applicative dei motovibratori per soddisfare più efficacemente le necessità degli utilizzatori, coadiuvandoli nello sviluppo di nuovi impianti e offrendo loro ulteriori possibilità di crescita.Cima S.p.A. – Menzione: Innovazione di ProdottoCima S.p.A. è una Società per Azioni ad azionariato familiare, specializzata nella progettazione e produzione di dispositivi per la gestione del denaro e bussole antirapina. Presente sul mercato da quasi 60 anni, da sempre punta sulla diversificazione dei propri prodotti e sull’innovazione investendo, anno dopo anno, in ricerca e sviluppo. Si propone al mercato con dispositivi destinati al mondo bancario, quali i TCR (Teller Cash Recycler), che installano il sensore di riconoscimento, progettato e prodotto da CIMA, BV5000 (sensore certificato dalla Banca Centrale Europea per il riconoscimento del vero e del falso e per la gestione del biglietto logoro), e le macchine da deposito e deposito/ricircolo studiate appositamente per soddisfare le esigenze del retail (annovera tra i propri clienti: grandi catene di distribuzione, società autostradali, società di servizi ferroviari, sale gioco, parchi divertimenti,…). Le bussole antirapina, produzione storica della società mirandolese, trovano la loro collocazione oltre che nelle agenzie bancarie, anche in siti di massima sicurezza quali aeroporti, palazzi governativi (Cima è fornitore del governo Inglese), ambasciate, centri CED, carceri (come ad esempio quelle australiane). Esporta in tutto il mondo e il suo fatturato estero rappresenta oltre il 65% del totale. Cima opera su uno stabilimento di oltre 6000mq destinati a R&D, amministrazione, linee di collaudo e magazzini. Qui lavorano circa 95 persone. I processi produttivi vengono dati in outsourcing ad un numero di aziende per lo più locali specializzate in micromeccanica e microelettronica, che danno lavoro a circa 200 addetti. Cima ha la propria sede a Mirandola (MO).Dolfin S.p.A. – Menzione: Humanistic InnovationDolfin S.p.A. è una Azienda nata nel 1914 che produce e commercializza in tutto il territorio nazionale e all’estero prodotti dolciari. Tra i prodotti di punta, i Polaretti – ghiaccioli per bambini, pronti da congelare, con vero succo di frutta – Granigel (la vera granita siciliana), le uova di cioccolato e le calze della befana. Da sempre impegnata nel campo dell’innovazione e della ricerca per documentare la tracciabilità dell’intera filiera e automatizzare sempre più la produzione, Dolfin si è posta l’obiettivo della sostenibilità dell’impresa. In quest’ottica di responsabilità sociale è stato realizzato e ultimato di recente il grande Parco Fotovoltaico che, su una superficie complessiva di oltre 10 mila metri quadrati (920K di potenza installata), garantisce l’approvvigionamento del 95% dell’energia necessaria all’operatività dello stabilimento e, nell’arco di un anno, ridurrà di 700 tonnellate le emissioni di anidride carbonica nell’aria. Un apposito logo sui prodotti comunica ai consumatori le scelte “verdi” di Dolfin.Indeco S.p.A. – Menzione: InternazionalizzazioneIndeco S.p.A. è un’Azienda italiana produttrice di martelli demolitori idraulici, nasce nel 1976 e fin dalla sua costituzione, si propone di rispondere con tempestività alle esigenze dei mercati puntando sulla capillarità delle rete di vendita e di assistenza post vendita e alla capacità dell’ufficio progettazione e sviluppo. Questa filosofia le consente di sviluppare il mercato internazionale e di diventare in breve tempo un marchio leader a livello mondiale nel settore della demolizione competendo con un gruppo di concorrenti di pari livello. L’impegno nella ricerca di un prodotto che avvantaggiasse gli utilizzatori dal punto di vista della produttività, della resa, della durata, della facilità di manutenzione e dei costi di gestione ha condotto nel 1986 l’azienda a brevettare, sul mercato internazionale, il primo “martello intelligente”, in grado di modulare frequenza e potenza del colpo in relazione alla durezza della roccia. Nel 2008 Indeco, frantuma ogni record realizzando il martello idraulico più grande del mondo, con 4,6 metri di altezza e un peso di 11.050 kg. Se Indeco ha potuto negli anni raggiungere ambiziosi obiettivi lo si deve anche all’organizzazione della sua rete commerciale: partnership in gran parte d’Europa e in particolare Francia, Spagna, Portogallo, Germania e nel Regno Unito con la filiale Indeco UK, oltre ad essere leader in Italia con una quota di mercato di circa il 30%. Il mercato americano è, invece, presieduto dalla Indeco Nord America. Importante è anche la presenza sul mercato brasiliano, argentino e in tutto il Sud America. La Indeco Australia, nata invece nel 1993, è oggi leader con quote di mercato oltre il 30%. Consolidata è la presenza del marchio Indeco in tutto l’Est Europa, specie in Russia. In gran parte dei mercati emergenti, Estremo Oriente, Medio Oriente e Africa, l’Azienda è presente attraverso una rete di rivenditori e con i suoi prodotti collabora alla realizzazione delle più grandi opere infrastrutturali.Persico S.p.A. – Menzione: Ricerca & SviluppoLa Persico S.p.A., fondata nel 1976 da Pierino Persico come modelleria del legno, diventa in pochi anni una delle più preparate nel panorama italiano. In breve tempo estende la propria attività alla produzione di stampi in alluminio ed acciaio per i rivestimenti interni, gli isolamenti acustici e termici delle vetture e dei veicoli industriali mediante l’Automotive Division e con la costruzione di stampi rotazionali in alluminio mediante la Rotational Division, acquisendo in entrambi i settori una posizione di leadership. Nel corso degli anni un crescente sviluppo nell’ottica del servizio completo da fornire al cliente ha portato alla nascita di una nuova divisione, Engineering Division, con l’obiettivo di creare automazioni complete, inizialmente per soddisfare il settore automobilistico, estesa poi anche al settore dello stampaggio rotazionale. Ultima nata in termini di tempo, ma con la stessa filosofia del servizio completo, la Nautical Division è in grado di affiancare, seguire e realizzare progetti del settore nautico, partendo dal design fino alla realizzazione del prototipo. Dal 2007 la Persico ha creato l’area Research & Development capace di soddisfare in maniera trasversale ogni sua divisione con innovazioni tecnologiche utilizzate per migliorare i propri prodotti, crearne di nuovi, o migliorare i processi di produzione. Il “reparto” dispone di macchine rotazionali e di linee di automazione, per poter anche effettuare il collaudo degli stampi delle altre divisioni.La Giuria del premio, oltre al Presidente, Professor Andrea Amaduzzi, è composta dai membri: Enzo Argante, giornalista e Presidente del Premio Aretè per la comunicazione responsabile promosso da Confindustria e Abi; Federico Baldeschi-Oddi, Argis – Associazione di Ricerca per la Governance dell’Impresa Sociale; Francesco Gatto, Fondazione CUOA; Peter Lettenmayer, Storico delle relazioni industriali; Marco Santi, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; Eutimio Tiliacos, Director of ANESTI LIMITED UK; Maurizio Trombetta, Presidente di Mit.Fin S.p.A.; Francesca Cristina, Vice-Presidente di CRS S.p.A. (vincitrice del Premio le Tigri – Edizione 2011); Fabio Chiesa, Direttore Generale di Smi S.p.A. (vincitrice del Premio Le Tigri – Edizione 2010); Isabella Manfredi, Global Sustainability Manager – Gruppo Feralpi S.p.A.; Diego Breviario, Ricercatore Emerito – CNR – Consiglio Nazionale delle Ricerche.***Il Premio “Le Tigri” è un’iniziativa partita nel 2009 e organizzata da TickMark Spa (società di revisione contabile indipendente) che, nel corso del 2012, ha realizzato un’operazione di integrazione con Ria Grant Thornton S.p.A, società indipendente a capitale interamente italiano, leader nella revisione e organizzazione contabile e member firm italiana di Grant Thornton International. RIA Grant Thornton è presente in Italia con 21 soci e oltre 220 professionisti che operano in 16 sedi al servizio di più di mille aziende clienti.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet