Cremonini: Tar conferma sanzioni 6 mln Consob per insider trading


modena 24 giugno – Sono confermate le sanzioni con cui la Consob, lo scorso 11 maggio, ha inflitto al gruppo Cremonini e ai suoi dirigenti multe per complessivi 1,4 milioni di euro, piu’ la confisca di somme di denaro, strumenti finanziari e altri beni, anche immobili, di Cremofin Srl per un valore di 4,38 milioni di euro (cifra pari al valore dell’illecito contestato). Lo ha stabilito, come apprende Radiocor, la Prima sezione del Tar del Lazio, presieduta da Giorgio Giovannini, respingendo la richiesta di sospendere le sanzioni avanzata da Cremofin srl, da Luigi e Vincenzo Cremonini e da Illias Aratri, responsabile della finanziaria della famiglia. Le sanzioni erano state inflitte per abuso di informazioni privilegiate nell’ambito dell’operazione di delisting della Cremonini Spa. Secondo la Consob tra il 9 gennaio 2008 e il 20 febbraio 2008 i Cremonini, attraverso la Cremonini srl e la Ci-Erre Lux Sa, entrambe societa’ del gruppo alimentare, avrebbero acquistato 1.875.350 azioni Cremonini Spa in Borsa, per un controvalore pari a 4,25 milioni, prima dell’annuncio dell’offerta pubblica di acquisto totalitaria volontaria (comunicata al mercato il 31 marzo 2008) sulle azioni Cremonini al prezzo di 3 euro per azione al fine di ritirare il titolo dal listino.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet