MO 23/1272011 BPER E’ PRONTA PER BASILEA 3 GRAZIE ALL’OPS


MODENA 23 DICEMBRE La Banca Popolare dell’Emilia Romagna e’ pronta per i parametri di Basilea 3.Si e’ concluso, spiega MF, il periodo di adesione all’offerta pubblica di scambio lanciata dall’istituto guidato da Fabrizio Viola sulle minorities detenute in sette banche del gruppo. Le adesioni sarebbero vicine all’80%, soglia superiore all’obiettivo fissato. Il risultato e’ stato accolto con soddisfazione nel quartier generale di BPER, perche’ arriva in una fase di mercato difficile per le banche italiane. Infatti l’ops e’ stata decisa per rispondere alle richiesta avanzate da Basilea 3 in termini di capitale.Nel dettaglio, l’operazione ha riguardato le popolari di Ravenna, di Lanciano e Sulmona, del Mezzogiorno e di Aprilia, la Banca della Campania, la Cassa di Risparmio dell’Aquila e la Banca di Sassari. “Le azioni di alcune controllate sono quotate all’Hi-Mtf, un segmento illiquido e non regolamentato”, spiega Roberto Ferrari, direttore finanza del gruppo. “Attraverso l’ops questi titoli sono stati scambiati con quelli Bper, che sono quotati sul Mta di Borsa Italiana, un mercato decisamente piu’ liquido e conveniente”. Con questa operazione la popolare e’ salita oltre 90% del capitale delle controllate e ha allargato la base sociale a circa 20-25 mila nuovi soci. Quali saranno gli effetti sul patrimonio? “In termini di core tier 1 Basilea 3 ci sara’ un effetto positivo di 42-43 punti base che, unitamente alla conversione del bond soft mandatory, va a irrobustire ulteriormente il capitale del gruppo”, spiega Ferrari. Dopo queste due operazioni Bper non dovrebbe quindi ricorrere al mercato per aumenti di capitale e sembrerebbe pronta per affrontare la prova di Basilea 3.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet