CONFINDUSTRIA CERAMICA: PRESENTAZIONI PER GLI ARCHITETTI A MONACO E AMBURGO


SASSUOLO 22 MARZO Ceramics of Italy è nuovamente protagonista in Germania. Dopo gli appuntamenti “Italian Summer” del settembre scorso, per la seconda volta Ceramics of Italy presenta ai progettisti tedeschi la “piastrella Made in Italy”. E lo fa con due appuntamenti speciali “Italian Winter”, organizzati in collaborazione con la rivista tedesca di architettura AIT, il primo dei quali, svoltosi ieri a Monaco, ha registrato oltre 200 partecipanti tra studi di architettura ed interior designer, ed il secondo domani ad Amburgo.Nella splendida cornice del’ex centrale elettrica Freiheizhalle di Monaco di Baviera, erano 28 le aziende italiane presenti con desk informativi: Casalgrande-Padana, Castelvetro, Ceramica Del Conca, Ceramica Panaria, Ceramica Sant’Agostino, Ceramiche Atlas Concorde, Ceramiche Caesar, Ceramiche Lea, Ceramiche Marca Corona, Ceramiche Refin, Ceramiche Ricchetti, Ceramiche Settecento, Cerdisa, Cipa Gres, Cisa Ceramiche, Coem, Cooperativa Ceramica d’Imola, Cotto d’Este, Emilceramica, Fap Ceramiche, Fila Indistria Chimica, Fincibec, Gigacer, Giovanni De Maio, Marazzi, Mosaico Più, Supergres e Tagina Ceramiche d’Arte. Dopo il saluto di benvenuto da parte di Filippo Manuzzi per Confindustria Ceramica, ha preso la parola il prof. Cino Zucchi, “amico” dell’industria ceramica italiana, già relatore a Cersaie e giurato del concorso di architettura “La ceramica e il progetto”, sul tema dell’involucro architettonico, area nella quale la ceramica industriale moderna svolge già da tempo un ruolo da protagonista. Tra gli obiettivi dell’incontro, il diffondere la cultura e l’utilizzo delle piastrelle di ceramica italiane e la conoscenza di Cersaie quale fiera di riferimento per la ceramica mondiale e informare gli architetti sui materiali ceramici, in termini di trends, design e nuove applicazioni. Il tutto in un’atmosfera informale che facilita i contatti e la comunicazione fra aziende e progettisti locali.IERI IL SECONDO APPUNTAMENTO si è concluso con analogo successo a Amburgo presso Lichtwerk Altona Studios, l’ex fabbrica di lampadine, ora studio fotografico di posa, di Amburgo. Relatore era Sebastiano Brandolini, docente al Politecnico di Zurigo e anche lui giurato del concorso “La Ceramica e il Progetto”, che spiegherà come la ceramica sia stato un elemento architettonico imprescindibile nelle proprie realizzazioni.Con l’occasione si promuove la 31a edizione di Cersaie, il Salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno che si tiene a Bologna da lunedì 23 a venerdì 27 settembre 2013.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet