PAGANI LANCIA LA NUIOVA AUTOI DA 1 MILIONE DI EURO


MODENA 22 FEBBRAIO Horacio Pagani dopo 12 anni con la supercar chiamata Zonda, poi Zonda S e Zonda R,cambia looki. Da adesso in poi il nome da tenere in testa è Huayra, una divinità del vento sud americana con cui l’argentino Horacio Pagani ha battezzato la sua ultima creatura automobilistica. Fabbricata in Italia, in modo artigianale e contemporaneamente tecnologico e perfino artistico. La Huayra è un vero oggetto dei desideri.Lunga 460 cm, larga 203 e alta 116, la carrozzeria rappresenta una evoluzione del classico tema di ala rovesciata che deriva dalle vetture delle gare Can Am del passato, con una attenzione maniacale per l’efficienza aerodinamica che viene in ballo come primo argomento in ogni dettaglio, dalla posizione delle prese d’aria fino alla levigatura del profilo del tetto, delle fiancate o del fantastico cofano motore posteriore.
La scena è tutta per il sistema di apertura delle portiere ad ala di gabbiano, che si estendono fino ad integrare il tetto come per le vetture che competono nelle gare di durata, ma la Huayra nasconde ben altre meraviglie, e più precisamente un telaio dalla leggerezza disarmante, realizzato in carbonio e titanio, che riesce a mantenere il peso della vettura sotto la soglia dei 1.350 kg. Una cifra ridicola se messa in colonna con i 700 Cv di potenza e gli oltre 1.000 Nm di coppia che appartengono al motore V12 biturbo Mercedes di 5.980 cc di cilindrata, realizzato con specifiche estreme direttamente dal reparto corse AMG.Trazione posteriore, senza neanche l’ombra del dubbio, ma anche un innovativo cambio sequenziale a 7 marce e una impostazione generale da vettura da corsa che ritroviamo nelle sospensioni indipendenti con ammortizzatori regolabili. Pagani non dichiara i dati sulla accelerazione 0-100 km/h, ma la velocità massima superiore ai 370 km/h lascia a bocca aperta.Quando i desideri sono semplici, comunque, non è detto il primo sia quello di gareggiare. La Huayra verrà prodotta in 20 unità all’anno al prezzo di circa un milione di euro.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet