Angelo Po compie 90 ann


CARPI 21 MARZO Angelo Po compie 90 anni. Dalla fondazione, al numero civico 10 della centralissima via Paolo Guaitoli a Carpi con l’attività di fabbro e la riparazione di cucine “economiche” a legna e carbone, allo stabilimento sulla Strada Statale per Modena, il filo conduttore è sempre lo stesso: raggiungere e mantenere i vertici nella progettazione e nella realizzazione di impianti per la ristorazione professionale (linee di cottura, forni, tavoli di lavoro, pensili e armadi porta-stoviglie, macchine elettriche, lavastoviglie a nastro e a cesto trascinato, impianti di aspirazione e buffet refrigerati).«Sono stati novant’anni intensi, di sviluppo tecnologico, di cambiamento culturale, di situazioni congiunturali alterne ai quali si sono intrecciate storie di uomini che hanno reso possibile il raggiungimento di questo importante traguardo», commenta il management aziendale. «Sono stati anni di continuo lavoro, sempre alla ricerca di nuove soluzioni. Siamo rimasti attenti al mondo produttivo e abbiamo sviluppato una vasta gamma di soluzioni che a oggi costituiscono il nostro patrimonio. Vogliamo considerare questo anniversario solo una tappa del viaggio intrapreso. Abbiamo la tenacia, la passione e lo spirito di sempre e abbiamo ancora tanti progetti nel cassetto ai quali intendiamo far vedere la luce».Oggi l’Angelo Po è la punta di diamante di un gruppo industriale composto di tre unità produttive, con 55 mila metri quadrati di stabilimenti coperti e 450 addetti, a capo dei quali sono ora i nipoti Alessandro, Amerigo e Rossella Po, unitamente all’amministratore delegato Livio Minca. Dagli stabilimenti carpigiani escono decine di migliaia di cucine professionali e impianti completi destinati a tutti i continenti. Angelo Po Grandi Cucine, che nel 2011 ha fatturato 90 milioni di euro, rappresenta oltre il 65 per cento delle vendite del Gruppo. Oltre il 50 per cento della produzione è destinato all’estero.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet