BPER: L’AD ODORICI SPIEGA “LE DIMISSIONI” DI MINOZZI


MODENA 20 LUGLIO “Non vorrei che le dimissioni di un consigliere generassero la convinzione che esistano contrapposizioni nell’ambito del nostro Consiglio di amministrazione”. Così l’AD di BPER Luigi Odorici taglia corto sui rumors nate dopo le dimissioni di Romano Minozzi e le inevitabili code polemiche con BPER Futura (l’avv Samorì).Le dimissioni di Minozzi, rese in data 5 luglio u.s., sono state motivate dall’interessato con ragioni di carattere personale, senza riferimenti né al mandato svolto, né all’attività dell’Organo Amministrativo. “In questo momento la banca sta fronteggiando, con tutte le risorse disponibili, una congiuntura economica particolarmente avversa e ulteriormente aggravata dal terremoto che ha colpito le zone di storico insediamento. In questo contesto l’organo amministrativo sta operando in un clima di piena armonia e coesione, forte del contributo di esperienza e professionalità che deriva dalle competenze di ciascun amministratore”.Il Consiglio di Amministrazione della Banca, riunitosi in data 17 luglio u.s., si è limitato doverosamente a prendere atto delle suddette dimissioni – immediatamente efficaci sin dalla data della loro presentazione, ai sensi dell’art. 2385, comma 1 del Codice Civile –, riservandosi di assumere ogni più opportuna determinazione in merito alla sostituzione del dott. Minozzi. L’Organo Amministrativo della Banca risulta pertanto, allo stato, formato da n.18 membri. Tra essi, i Consiglieri investiti di particolari cariche sono: il Presidente del Consiglio di Amministrazione, rag. Ettore Caselli, i 2 Vice Presidenti, dott. Alberto Marri ed ing. Piero Ferrari, nonché l’Amministratore Delegato, dott. Luigi Odorici (che ricopre anche il ruolo di Direttore Generale). Il Consiglio di Amministrazione, nello svolgimento delle proprie funzioni, come da consolidata tradizione, confermata anche negli ultimi mesi, ha assunto le deliberazioni con piena unità d’intenti dei propri componenti.Si segnala da ultimo che il Consiglio di Amministrazione della Banca ha in corso approfondite riflessioni in merito ad eventuali interventi sulla governance societaria, al fine precipuo di assicurarne un’evoluzione coerente alle prescrizioni e raccomandazioni formulate dalle Autorità e allineata ai migliori standard presenti sul mercato. Eventuali proposte di modifiche statutarie che dovessero essere deliberate dal Consiglio di Amministrazione della Banca saranno prontamente comunicate al mercato.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet