COPFIM ENTRA IN FIDINDUSTRIA EMILIA ROMAGNA


MODENA 20 GIUGNO Cofim, Confidi Modena ha ratificato con assemblea straordinaria la fusione con Fidindustria Emilia Romagna. Il marchio Cofim cesserà quindi di esistere Il presidente Giuseppe Gelati ha portato in approvazione l”ultimo ma l’ennesimo bilancio lusinghiero di Cofimper quantità e qualità delle operazioni di finanziamento portate a termine a favore delle piccole e medie imprese,

La storia del Cofim, fatta di radicamento sul territorio e stretto contatto con le imprese e istituzioni modenesi, non verrà però meno con la fusione. Nella stesura del regolamento che accompagna questo epocale cambiamento infatti, è stato deciso che le risorse di capitale apportate a Fidindustria dalle singole zone socio-economiche, pur nel rispetto dell’unicità patrimoniale imposta dalla Banca d’Italia, siano tracciabili e sottoposte a costante monitoraggio, in modo che l’utilizzo di queste risorse rimanga, almeno prioritariamente, dedicato alle imprese di quel territorio. Questo è un segno di continuità dell’operatività del preesistente confidi.

L’approvazione della fusione è stata salutata con soddisfazione dai rappresentanti degli istituti di credito modenesi, presenti all’assemblea che si è tenuta presso il teatro del collegio San Carlo, seguita da un convegno dal titolo “Un futuro per l’Europa”. Un plauso è arrivato anche dai presidenti di Confindustria Modena Pietro Ferrari e Confapi Pmi Dino Piacentini.

“Le banche stesse chiedevano questo passo per continuare a garantire un aiuto efficace. L’attenzione alla dimensione locale non può prescindere da una visione globale dei problemi e dalla capacità di essere anche più grandi e più forti”, ha concluso il presidente Gelati.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet