Gruppo Bellco: ‘biomedicale made in Italy’


mirandola 19 aprile Gruppo Bellco (maggiore realtà di settore a guida italiana) ’rilancia’. A due anni dalla nuova fase di sviluppoindipendente (scorporo da Sorin Group) la compagine societaria – Fondi di Private Equity ARGOS SODITIC (60%),MPS Venture SGR (Gruppo Montepaschi – 30%) e management (10%) – presenta impegni e obiettivi tradotti in realtà eprogetti futuri, alle soglie dei primi 40 anni di attività (nel 2012). Tutti di segno positivo i risultati di Bilancio 2010.Oltre 40 le risorse umane in ingresso dai primi del 2009, di cui 29 laureati ad alta qualificazione.Dalla storia al futuro della Dialisi e della Depurazione del sangue, in Italia e nel mondo (oltre il 50% del fatturato inexport). Determinante, oggi e per il futuro, l’impegno del gruppo di Mirandola in Ricerca e Innovazione, incollaborazione con la comunità medico scientifica italiana ed europea, ai vertici mondiali per trattamenti personalizzati efinalizzati al benessere dei pazienti (i Dati dei Registri Nazionali attestano una sopravvivenza media a 5 anni, pari al55% in Italia, al 48% come media europea, al 33% in USA).Presentati in conferenza a Mirandola iniziative inedite, progetti di ricerca e investimento:Collaborative Research Club: una nuova comunità medica interattiva, finalizzata alla promozione di Progetti di Ricerca,al contributo e all’interdisciplinarietà fra Nefrologi, Intensivisti, Cardiologi e altri membri della comunità medico-scientifica;Protocolli di Ricerca attivi e in preparazione (24 fra nazionali e internazionali); Progetto F.A.R.E., con il sostegnodella Regione Emilia-Romagna, finalizzato a nuovi processi terapeutici, basati sulla depurazione selettivaextracorporea del sangue, per patologie altamente invalidanti, agendo in molti casi come salva-vita.Con l’intervento di: Maino Benatti, Sindaco – Comune di Mirandola; Morena Diazzi, Direttore Attività Produttive,Commercio e Turismo – Regione Emiliia-Romagna; Luciano Fecondini, Amministratore Unico Medica e ConsigliereConsobiomed; Enzo Madrigali, Direttore Demo Center-Sipe; Aldo Tomasi, Rettore Università degli Studi di Modena eReggio Emilia. Alla presenza di: Mario Veronesi (‘inventore del Distretto Biomedicale’), Mirco Dilda (A.D. PrivateEquity ARGOS SODITIC); Domenico Intrieri (Area Gestioni MPS Venture SGR (Gruppo Montepaschi).———————————————————————————————————————————-Bellco, azienda di Mirandola, fra i primi produttori di sistemi avanzati per l’Emodialisi cronica e la Terapia intensiva inItalia e in Europa (oltre il 50% del fatturato è oggi riferibile all’export su mercati Healthcare ‘avanzati’), rilancia.Nata nel 1972 su iniziativa di Mario Veronesi, Bellco (espressione di ‘Bella Compagnia’) è fra le prime imprese deldistretto biomedicale di Mirandola. Da sempre a conduzione italiana, vede attiva dal gennaio 2009 la compaginesocietaria che ha garantito: mantenimento delle radici dell’azienda; ricerca e sviluppo sul territorio; costante crescita intermini di risorse umane (oltre 40 le nuove assunzioni dal gennaio 2009, di cui 29 laureati ad alta qualificazione.Presentato, il Progetto F.A.R.E., con il supporto di Regione Emilia-Romagna, in partnership con: Medica SpA; lapartecipazione dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia; Democenter; Biopharmanet; Intermech ed ilsostegno di: Azienda Ospedaliera Santa Maria Nuova di Reggio Emilia; Azienda Ospedaliero Universitaria S.Orsola-Malpighi di Bologna; Università degli Studi di Bologna: Facoltà di Medicina e Chirurgia (Dipartimento diMedicina Interna dell’invecchiamento e Malattie Nefrologiche; Azienda Ospedaliero-Universitaria ‘Ospedali Riuniti’ diTrieste; Karolinska Institute (Solna, Stoccolma).CARLO VANOLI – PRESIDENTE: ‘IMPEGNI TRADOTTI IN REALTÀ’“ARGOS SODITIC, Mps Venture e il management – ha sottolineato Carlo Vanoli – hanno investito in Bellco perchéfortemente convinti delle potenzialità di questa azienda nell’ambito delle sviluppo dei mercati della cura della salute. Irisultati presentati oggi testimoniano nei fatti che abbiamo avuto ragione. Ne siamo orgogliosi, nel ringraziare tutti coloroThe Right Therapy Wayche in azienda o al suo fianco, hanno creduto in noi.” Lo testimoniano in nostri risultati: i ricavi totali pari a 105.8 M Euro(+3.2% rispetto al 2009); EBITDA 15.0 M Euro (+14.7% rispetto al 2009); EBIT 8.4 M Euro (+34.3% rispetto al 2009). Noivediamo ogni paziente, anche quelli nelle condizioni più critiche, come un soggetto per il quale si può e si deveindividuare la terapia più adatta (ovvero la più efficace e sicura) per la sua specifica condizione. Ci confrontiamod’altronde con scenari che, a causa dell’innalzamento dell’età media della popolazione e della progressiva evoluzione deisistemi sanitari nel mondo (Paesi quali Cina/India/Russia), richiedono terapie evolute e sempre più personalizzate.MAURO ATTI, DIRETTORE SCIENTIFICO, MARKETING E COMMERCIALERICERCA COLLABORATIVA/INNOVAZIONE/DATI DEI REGISTRI NAZIONALI/PROGETTO F.A.R.E“Siamo a 60 anni dalla prima dialisi in Italia (1952). A circa 40 anni dalla nascita di Bellco (1972). Si tratta di due‘storie’ che siamo orgogliosi di poter dire strettamente collegate. Bellco ha infatti contribuito alla storia della dialisi e delladepurazione del sangue, a partire dalla bicarbonato dialisi, nata in Bellco e che oggi rappresenta la quasi totalità delladialisi mondiale, per arrivare ai più recenti trattamenti salva-vita in terapia intensiva. Il Gruppo è fortemente determinato afarne il futuro, proseguendo nel cammino di Ricerca Collaborativa e Innovazione, che da sempre la contraddistingue, inpartnership con la Comunità medico-scientifica, l’Università, enti e istituti di Ricerca.” – Commenta Mauro Atti – “Sono2.500.000 nel mondo i pazienti che necessitano di una Terapia sostitutiva renale. Centinaia di migliaia i casi diSepsi severa nel mondo, oltre 26.000/anno in Italia. Si tratta di problematiche complesse, nei confronti delle qualil’evoluzione della ricerca tecnologica e medico-scientifica può fare la differenza. I dati dei Registri nazionali attestanouna sopravvivenza media a 5 anni, in Dialisi, pari al 55% in Italia, a confronto con il 33% in USA e il 48% di mediaeuropea. E questo a fronte di una spesa sanitaria, per paziente tra le più basse nei paesi con sistemi sanitari avanzati,(58.000 Euro/anno negli USA vs 40.000 Euro/anno in Italia ). Bellco è orgogliosa della collaborazione con lacomunità degli esperti Italiani ed Europei , certamente tra le più qualificate al mondo. La fase aziendale di sviluppoindipendente varata nel 2009 ha consentito il deciso rilancio dei progetti di ricerca e il concretizzarsi d’iniziativeinedite, quali il Collaborative Research Club. Nato lo scorso anno, vanta già oltre 500 iscritti e vede come coordinatorie partecipanti i più accreditati esperti europei. Il Club ha messo a sistema l’attività di ricerca condivisa e, attraversoavanzati strumenti di condivisione contribuisce ad agevolare il dialogo e il confronto fra esperti, anche e soprattutto didiverse discipline. Sono 24 i Protocolli di Ricerca attivi e in fase di attivazione sotto l’egida del CRC. Mentre siamo quioggi per condividere con la Regione Emilia-Romagna e con i partner di progetto, che ringraziamo, la presentazione delProgetto F.A.R.E., finalizzato a realizzare una piattaforma tecnologica interdisciplinare, basata su un concetto didepurazione selettiva – nato in Bellco – capace di garantire efficacia e selettività, nella purificazione extracorporea delsangue, per consentire un salto quantico nella qualità del trattamento dei pazienti dializzati. Ma anche per aprire lastrada alla possibilità di utilizzare la depurazione extracorporea del sangue per il trattamento clinico di patologiealtamente invalidanti: quali patologie acute (sepsi; mieloma ecc) e patologie autoimmuni (artrite reumatoide; sclerosimultipla ecc.). In passato questa opportunità era ignorata, a causa del mancato background tecnologico e clinico.”STEFANO RIMONDI – AMMINISTRATORE D
ELEGATO: INNOVAZIONE E VISIONE INTERNAZIONALE.“Gruppo Bellco è una realtà italiana con forte vocazione internazionale. Lo testimoniano le società e le filiali di riferimentonel mondo: Laboratoire Soludia S.A; Bellco Belgium; Bellco Canada; Bellco France; Bellco Spain. Siamo un’alternativaunica, per il settore, alle grandi multinazionali. – commenta Stefano Rimondi – Contiamo su una forte presenza inEuropa. Siamo posizionati fra i leader in nazioni quali Canada – in cui abbiamo aperto una filiale nel 2009 (siamo il primofornitore di apparecchiature per questo paese, che vanta uno dei sistemi sanitari più avanzati), Messico, Corea e Cina.Per continuare su questa strada, la sfida cruciale è rivitalizzare costantemente la ricerca innovativa: da sempre lanostra stessa ragion d’essere, e garantire costante sviluppo in termini di know how e risorse umane. In due annidella nuova gestione abbiamo assunto oltre 40 nuove risorse, di cui circa 30 ad alta qualificazione. Certo, perproseguire e andare ‘oltre’ vi è la necessità urgente che condizionamenti ‘di sistema’ quali il cronico ritardo dei pagamentida parte del sistema pubblico, vengano una volta per tutte fronteggiati con reale determinazione, come più voltesottolineato da Assobiomedica, l’organo di settore per Confindustria, per il quale rivesto il ruolo di Vice Presidente. Lerisorse finanziarie drenate da inefficienze del sistema Italia potrebbero senza dubbio trovare miglior utilizzo in concretiprogrammi d’innovazione. La tecnologia biomedicale è un elemento essenziale per rendere compatibile spesasanitaria e qualità dell’assistenza medica: in questo contesto Gruppo Bellco conferma e rinnova le radici della propriamissione.”

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet