mo 19//2011 FOTOVOLTATICO Importante operazione in Emilia-Romagna interamente finanziata da BIIS – Gruppo Intesa Sanpaolo


MARANAELLO 19 LUGLIO Inaugurato ieri pomeriggio, alla presenza del sindaco di Maranello Lucia Bursi, un impianto fotovoltaico realizzato su suolo pubblico comunale, in località Gorzano. L’opera, del valore di 2,6 milioni, ha una potenza in immissione pari a 699,20 KWpp ed è finanziata interamente da BIIS, la banca del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata al Public Finance, attraverso il meccanismo del leasing previsto dal Codice degli Appalti.La sua costruzione, alla quale hanno partecipato due imprese locali, l’Elettrica Riese srl e la Margen srl, in collaborazione con la Asola Power per la fornitura dei pannelli, è stata avviata alla fine del 2010 e ultimata a giugno di quest’anno.La modalità di finanziamento scelta consentirà al Comune di Maranello di poter beneficiare, sin dal primo momento di entrata in funzione dell’impianto, sia dei contributi statali previsti dal Conto Energia, sia dei ricavi derivanti dalla vendita di energia al Gestore dei Servizi Elettrici (GSE), ottenendo così una liquidità disponibile per le casse comunali stimata intorno ai 150.000 euro annui. Al termine della concessione, che avrà una durata di 18 anni, l’ente potrà acquisire la piena proprietà dell’impianto, continuando a beneficiare dell’energia prodotta.Si tratta di un’opera ad alta sostenibilità ambientale in quanto non genererà emissioni inquinanti e sarà in grado di produrre 805.000 kWh annui, sufficienti ad alimentare 200 famiglie con consumi standard, per un risparmio annuale di circa 168 tonnellate equivalenti di petrolio e una mancata emissione in atmosfera di 417 tonnellate di CO2.BIIS ha intermediato progetti nel campo delle energie rinnovabili, in tutta Italia, per oltre 1 miliardo e mezzo di euro di investimenti: si tratta di un considerevole impegno di risorse in un settore capace di creare sbocchi occupazionali e di rendere più competitivo il Paese, abbassando il costo energetico ancora troppo elevato che grava sulle imprese.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet